SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Nono default per l’Argentina: quali sono le condizioni?

L’Argentina si avvicina a quello che sarà il nono default della sua storia. Nello specifico, è in default tecnico dal 22 Maggio, giorno della scadenza del pagamento di 500 milioni di dollari di interessi dopo una proroga di 30 giorni; fino al 2 giugno continueranno infatti le trattative con i creditori per una eventuale ristrutturazione di 67 miliardi.

La proposta del “Exchange Bondholder Group”

Exchange Bondholder Group, che comprende 18 investitori e detiene più del 15% del debito pubblico argentino, ha inviato una proposta al governo dell’Argentina per evitare il default.
La proposta prevede un taglio del 67% del valore di rimborso dei bond emessi alla pari ed una riduzione degli interessi di quelli emessi sotto la pari.
Questi possono poi essere scambiati alla pari con bond di nuova emissione, di due tipi:

  • Bond con scadenza 2033 e rimborsati con piano d’ammortamento in 7 anni a partire dal 2027
  • Bond con scadenza 2040 rimborsati in 7 anni con piano d’ammortamento che parte dal 2034

Saranno emessi in Dollari statunitensi e in Euro, a discrezione del possessore, con cedola crescente fino ad arrivare al 5,875%, inizieranno a produrre interessi da Novembre, con primo pagamento a Maggio prossimo, nello specifico:

  • 1.25%, da 15 Novembre 2020
  • 2.50%, da 15 Novembre 2021
  • 3.50%, da 15 Novembre 2022
  • 4.00%, da 15 Novembre 2023
  • 5.875%, da 15 Novembre 2025


Questa è la proposta con cui l‘Exchange Bondholder Group inizierà a trattare col Governo.

Cosa è successo negli ultimi anni?

Grafico di confronto dell'offerta di moneta di Argentina, USA ed UE.
Incrementi percentuali di offerta di moneta: USA vs UE vs Argentina

Quello dell’Argentina è il classico esempio di come non basti stampare moneta per uscire dalle crisi.
Nel grafico sopra si vede l’incremento dell’offerta di moneta, confrontando quella di Stati Uniti, Unione Europea ed Argentina: è evidente come quest’ultima superi di gran lunga gli altri, eppure continua ad andare in default: sarà utile per i sovranisti di casa nostra a convincerli?

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here