L’Arabia Saudita ha interrotto metà della sua produzione di petrolio, o il 5% della fornitura petrolifera globale giornaliera, sabato dopo che una serie di droni ha colpito il più grande impianto di trattamento del petrolio del mondo in un attacco rivendicato dai ribelli Houthi dello Yemen.

I dubbi sullo Yemen

Sabato i ribelli Houthi dello Yemen si sono assunti la responsabilità degli attacchi , dicendo che 10 droni hanno preso di mira le strutture petrolifere saudite di proprietà statale di Arqco ad Abqaiq e Khurais, secondo l’agenzia di stampa Al-Masirah gestita da Houthi.
Tuttavia, le domande chiave sugli attacchi rimangono senza risposta.
Il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha detto che “non ci sono prove che gli attacchi provenissero dallo Yemen”.

In una dichiarazione di domenica, il ministro dell’Arabia Saudita , il principe Abdulaziz bin Salman, ha dichiarato che 5,7 milioni di barili al giorno di produzione di petrolio e gas sono stati colpiti. Le ultime cifre dell’OPEC hanno portato la produzione totale saudita a 9,8 milioni di barili al giorno.

Il ministro dell’Energia ha dichiarato che Aramco “sta attualmente lavorando per recuperare le quantità perdute” di petrolio e aggiornerà il pubblico entro due giorni. “Questi attacchi non mirano solo alle installazioni vitali del regno, ma anche alla fornitura di petrolio globale e alla sua sicurezza, e rappresentano quindi una minaccia per l’economia globale”.

Aumento dei prezzi quasi scontato

“Abqaiq è forse la struttura più critica al mondo per la fornitura di petrolio. I prezzi del petrolio salteranno su questo attacco”, ha dichiarato Jason Bordoff, direttore fondatore del Center on Global Energy Policy presso la Columbia University.

L’attacco arriva quando l’Arabia Saudita adotta misure per rendere pubblico ciò che potrebbe essere la più grande IPO del mondo. Aramco ha suscitato un grande interesse con il suo debutto nella vendita di obbligazioni internazionali ad aprile. Ha commissionato un audit indipendente delle riserve petrolifere del regno e ha iniziato a pubblicare guadagni. Nelle ultime due settimane, il regno ha sostituito il suo ministro dell’energia e il presidente di Aramco.

Il precedente accordo con l’OPEC

L’Arabia Saudita, il più grande esportatore di petrolio al mondo, ha ridotto la produzione di greggio e altri prodotti energetici nell’ambito di uno sforzo dell’OPEC per aumentare i prezzi . L’Arabia Saudita produce circa il 10% della fornitura globale totale di 100 milioni di barili al giorno.

L’Agenzia internazionale per l’energia, o IEA, ha detto sabato che stava monitorando la situazione in Arabia Saudita. Su Twitter ha dichiarato:

“Siamo in contatto con le autorità saudite, nonché con i principali paesi produttori e consumatori. Per ora, i mercati sono ben forniti con ampie scorte commerciali.”

L’incognita Trump

Se l’interruzione in Arabia Saudita si prolungherà, “le forniture sanzionate all’Iran sono un’altra fonte di potenziale ulteriore petrolio”, ha detto Bordoff. “Ma [il presidente degli Stati Uniti Donald] Trump ha già dimostrato di essere disposto a perseguire una campagna di massima pressione anche quando i prezzi del petrolio aumentano. Semmai, il rischio di un’escalation regionale tit-for-tat che spinge i prezzi del petrolio ancora più in alto è aumentato in modo significativo. ”

Il parere degli analisti

“Data l’entità dell’interruzione della produzione e l’incertezza sulla sua durata, prevediamo un forte aumento dei prezzi del greggio quando i mercati apriranno lunedì”, ha dichiarato Vandana Hari, fondatrice e amministratore delegato di Vanda Insights, un fornitore di macroanalisi dei mercati petroliferi .

“I futures Brent e WTI, che si sono stabiliti vicino ai minimi di tre settimane venerdì, potrebbero aumentare fino a $ 10 al barile in una reazione istintiva, anche se la sostenibilità del rally dipenderà da una valutazione dell’entità e della durata del deficit di approvvigionamento, tenendo conto delle misure di mitigazione. ”

Il gruppo Eurasia ha fatto eco a tale affermazione in una nota. La società di consulenza ha affermato che il petrolio potrebbe aumentare di “$ 10 se il danno alle strutture di Aramco è significativo”.

Similmente, Bjornar Tonhaugen, responsabile dell’analisi del mercato petrolifero presso la norvegese Rystad Energy, ha dichiarato: “L’impatto immediato sui prezzi del greggio potrebbe essere di circa $ 10 al barile e prevediamo che l’impatto potrebbe essere di circa $ 5 per settimane”.