SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Conte non conosce la legge della domanda e dell’offerta

Nella conferenza stampa di presentazione del nuovo DPCM di ieri il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha affermato che i prezzi delle mascherine verranno calmierati. Qual è il problema?

Perchè il prezzo calmierato per le mascherine è sbagliato?

Per poter rispondere a questa domanda è opportuno ritornare alla legge della domanda e dell’offerta. La base dell’Economia.

Immaginate che nello Stato X siano prodotte e vendute 3 mascherine al giorno, con un unico venditore disponibile.
Gli abitanti sono 5: Luca, Maria, Andrea, Paola e Anna.
Luca e Maria, con uno stipendio basso sono disposti a spendere massimo 20 euro per una mascherina, mentre Andrea e Paola anche 50 e Anna, la più ricca del Paese, anche 60.

L’unico venditore venderà a 50 euro le 3 mascherine disponibili accontentando solo Paola, Andrea e Anna (che addirittura spende 10 euro in meno di quanto sarebbe disposta a fare).

Il Governo decide così in diretta TV per aiutare Luca e Maria di fissare il prezzo massimo che chiedono loro: 20 euro.
Il venditore, onesto e rispettoso delle regole, apre la mattina dopo e scrive accanto all’insegna: MASCHERINE A 20 EURO!
Arriva così Anna che spendendo proprio quei 60 euro, BOOM compra tutte e 3 le mascherine, e a restare senza mascherine ora sono in 4 anziché 2.

Altro problema, il mercato nero

Siccome in questo momento le mascherine presentano una elevatissima domanda non è detto che la produzione giornaliera riesca a soddisfarla tutta. Lasciar fluttare i prezzi permette alle persone che sentono una maggior necessità di quel bene di ottenerlo perché coloro che non hanno una necessità altrettanto elevata non pagheranno un prezzo più alto rispetto al prezzo associato al loro bisogno.

Con un prezzo bloccato è possibile che determinate persone e determinate imprese facciano incetta di questi beni per poi rivenderli nel mercato nero con un prezzo incrementato.

Possibili soluzioni

Di fronte ad un patologico eccesso di domanda rispetto all’offerta (produzione), le strade semplicemente sono due: o si incrementa l’offerta, o si riduce la domanda. Tertium non datur.

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here