Cosa sono i tassi d’interesse negativi?

Pagare la controparte debitrice per prendere a prestito i propri capitali?

ECONOMIA | RISPARMIO |INVESTIMENTI
activerain.trulia.com

Ritorna l’appuntamento con l’in-formazione de La Settimana Economica. Oggi entreremo più nel dettaglio di una delle conseguenze della forte (e artificiosa) contrazione dei tassi d’interesse sui titoli obbligazionari (soprattutto quelli governativi dell’area euro). Entrato pienamente in funzione il Quantitative Easing della BCE, dopo quanto già fatto in numerosi altri Paesi (con la FED negli USA, la Bank of Japan in Giappone e la Bank of England in Gran Bretagna, solo per citare alcuni casi), le conseguenze sulla curva dei tassi d’interesse non hanno tardato ad arrivare.

Prima di parlare dell’oggetto del presente articolo, i tassi d’interesse negativi, è necessario comprendere preventivamente la distinzione esistente tra i tassi d’interesse “nominali” e quelli “reali”. I primi (tassi d’interesse nominali) sono i tassi definiti contrattualmente tra le parti di un attocontratto. I secondi (tassi d’interesse reali) sono quelli calcolati al netto del tasso d’inflazione in essere ad una determinata data. Proviamo a capirne di più attraverso un semplice esempio numerico: ipotizziamo di essere in possesso di un generico BTp (Buono del Tesoro poliennale dello Stato Italiano) che garantisce una cedola fissa con un tasso d’interesse nominale del 3%; ipotizzando un tasso d’inflazione del 2%, il rendimento reale – inteso come rendimento al netto della perdita di potere d’acquisto (causata dall’inflazione), e al lordo della tassazione – sarà pari all’1% (3% – 2%). Pertanto, un rendimento “positivo” dell’1%.

Cosa succederebbe se il rendimento nominale del generico BTp utilizzato nell’esempio precedente scendesse all’1%? Ipotizzando un tasso d’inflazione costante ed uguale a quello dell’esempio precedente (pari al 2%), emergerebbe un tasso d’interesse negativo dell’1% (1% – 2% ).

Compresa questa prima tipologia di tassi negativi, è importante osservare come i mercati obbligazionari del 2015 (in realtà alcune “avanguardie” erano già presenti da qualche anno) siano caratterizzati da tassi d’interesse negativi anche di tipo nominale. Materialmente, stiamo osservando come esistano tipologie di “investimento” che prevedano un tasso d‘interesse negativo – definito contrattualmente – prima ancora di essere depurato dalla componente reale (inflazione). In sostanza, l’investitore sarà disposto a “pagare” la controparte alla quale affida i propri capitali in cambio della “custodia” degli stessi.

 

A cura di Leonardo Taronna, seguimi su Twitter => www.twitter.com/TaronnaL

Seguici anche su Facebook => www.facebook.com/lasettimanaeconomica

 

Header Image Credits: activerain.trulia.com