Home » Elon Musk ha acquistato Twitter per 44 miliardi di dollari

Elon Musk ha acquistato Twitter per 44 miliardi di dollari

Elon Musk acquista Twitter per 44 miliardi: arrivata la conferma tanto attesa nelle ultime ore.

Categorie Aziendale · Economia · Management

Elon Musk ha acquistato Twitter per 44 miliardi – È ufficiale: Elon Musk, CEO di Tesla, SpaceX e Neuralink, presidente di SolarCity, fondatore di The Boring Company e cofondatore di PayPal e OpenAI ora è anche proprietario di uno dei social network più influenti: Twitter. L’accordo è arrivato dopo una serie di trattative, dopo che lo scorso 5 aprile Musk acquistasse oltre il 9% della compagnia, diventando il primo azionista non di controllo del social.

Elon Musk ha acquistato Twitter per 44 miliardi: con la chiusura del mercato arriva la conferma

Elon Musk acquista Twitter per 44 miliardi

Twitter Inc. ha accettato l’offerta di Elon Musk di acquistare l’azienda: riceverà dalle mani dell’imprenditore sudafricano, naturalizzato statunitense, ben 44 miliardi di dollari.. Questa mossa darebbe all’uomo più ricco del mondo il controllo sull’influente social media dove è anche tra i suoi utenti più potenti. Infatti, il tweet di Elon Musk non si è fatto attendere:

La libertà di parola è il fondamento di una democrazia funzionante, e Twitter è la piazza digitale dove si discute di questioni vitali per il futuro dell’umanità”, ha detto il signor Musk. “Voglio anche rendere Twitter migliore che mai, migliorando il prodotto con nuove funzionalità, rendendo gli algoritmi open source per aumentare la fiducia, sconfiggendo lo spam bot e autenticando tutti gli esseri umani. Twitter ha un potenziale enorme – non vedo l’ora di lavorare con l’azienda e la comunità di utenti per sbloccarlo.

Elon Musk su Twitter

Secondo The Wall Street Journal, l’accordo segna la chiusura di un drammatico corteggiamento e un brusco cambiamento nel cuore di Twitter, dove molti dirigenti e membri del consiglio di amministrazione inizialmente si sono opposti all’approccio di acquisizione di Musk. L’accordo ha polarizzato i dipendenti di Twitter, gli utenti e le autorità di regolamentazione sul potere che i giganti tecnologici esercitano nel determinare i parametri del discorso accettabile su Internet e come queste aziende fanno rispettare le loro regole.

Lascia un commento