Con il tanto atteso whitepaper di Libra, Facebook mette in mostra le sue abilità blockchain ed entra in campo per dare credibilità alle criptovalute.
Rilasciato questa mattina, il documento che descrive un protocollo progettato per evolvere mentre alimenta una nuova valuta globale.

Dopo più di un anno di lavoro, il documento si apre strombazzando l’ambizioso obiettivo della nuova blockchain:

“La libra Blockchain è un database decentralizzato e programmabile progettato per supportare una criptovaluta a bassa volatilità che avrà la capacità di fungere da mezzo di scambio efficiente per miliardi di persone in tutto il mondo.”

Come primo passo verso il raggiungimento della parte “decentralizzata”, il protocollo è stato consegnato a una nuova organizzazione, la Libra Association, i cui membri deterranno token separati che consentono loro diritti di voto sulla catena per governare le decisioni su Libra.

Nel corso del tempo, è stato progettato per trasferire l’appartenenza al nodo da questi membri fondatori che hanno un interesse nella creazione dell’ecosistema per le persone che detengono Libra e hanno un interesse nell’ecosistema nel suo complesso

Lo ha spiegato Ben Maurer, dirigente tecnico blockchain di Facebook.

Libra in breve

In breve, Libra è progettato per essere un blockchain globale ad alto throughput, costruito pensando ai soldi programmabili, ma limita il numero di utenti che possono fare inizialmente mentre evolve da prototipo ad ecosistema robusto.
A differenza di molte altre blockchain, Libra sembra incentrata sui pagamenti e su altri casi di utilizzo finanziario per i consumatori.

Ma lo stesso whitepaper sembra orientato a dimostrare sia i progressi proposti di Facebook sulla scienza del consenso distribuito, sia il suo apprezzamento per ciò che è stato costruito finora.

Per convalidare il design del protocollo Libra, abbiamo costruito un’implementazione prototipo open source – Libra Core – in previsione di uno sforzo collaborativo globale per far avanzare questo nuovo ecosistema.

Mescolare e abbinare

I progettisti di Libra hanno scelto ciò che vedono come le migliori caratteristiche degli blockchain esistenti, fornendo al tempo stesso i propri aggiornamenti e perfezionamenti.

1. Come bitcoin, non c’è vera identità sulla blockchain.

Dal punto di vista della blockchain stessa, tu non esisti. Esistono solo coppie di chiavi pubbliche-private. Il white paperafferma: “Il protocollo Libra non collega gli account a un’identità reale. Un utente è libero di creare più account generando più coppie di chiavi. Gli account controllati dallo stesso utente non hanno collegamenti intrinseci tra loro. ”

2. Come Hyperledger, è autorizzato (almeno per iniziare).

Inizialmente, la struttura di consenso per Libra sarà costituita da dozzine di organizzazioni che eseguiranno i nodi sulla rete, convalidando le transazioni. Ogni volta che il consenso viene votato per una nuova serie di transazioni, un leader sarà designato a caso per contare i voti.

Libra sceglie di affidarsi alla familiarità piuttosto che alla democrazia per scegliere le entità giuste per stabilire un consenso nei primi tempi.
“I membri fondatori sono organizzazioni con una reputazione consolidata, il che rende improbabile che possano agire maliziosamente”, afferma il whitepaper.
Si tratta di entità che vanno dalle reti di pagamento tradizionali (Mastercard, Visa) a giganti di gig e dell’economia (eBay, Lyft) ai nativi di blockchain (Xapo) a Venture Capital (Andreessen Horowitz, Thrive Capital).

3. Come i tezos, ha una governance on-chain.

Le uniche entità che possono votare all’inizio sono i membri fondatori. Questi membri detengono i Tokra Investment Tokens che danno loro diritti di voto sulla rete, dove possono prendere decisioni sulla gestione della riserva e consentire ai nuovi validatori di aderire alla rete.

La struttura di governance è integrata nel software Move sin dall’inizio e, come Tezos, è soggetta a revisione nel tempo. Gli aggiornamenti saranno essenziali in quanto aggiunge i membri e si evolve da un sistema di prova del gioco delegato (DPoS) (come EOS o steem) a un ecosistema di prova del gioco completamente decentralizzato.

4. Come Ethereum, rende la valuta programmabile.

Il whitepaper definisce un certo numero di modi in cui i suoi utenti possono interagire con il software principale e la struttura dei dati. Ad esempio, chiunque può creare una replica senza voto della blockchain o eseguire vari comandi di lettura associati agli oggetti (come gli smart contract o un set di portafogli) definiti su Libra. Fondamentalmente, i progettisti di Libra sembrano essere d’accordo con ethereum che il codice di esecuzione dovrebbe avere un costo, quindi tutte le operazioni richiedono il pagamento di Libra come gas per poter funzionare.

A differenza di ethereum, Libra compie due importanti cambiamenti nei suoi smart contract. Innanzitutto, limita quanto gli utenti possono fare sul protocollo all’inizio (l’ampiezza completa delle funzionalità di Move non è ancora definita). In secondo luogo, interrompe i dati dal software, quindi uno smart contract (che Move si riferisce a un “module”) può essere indirizzato a qualsiasi pool di risorse, che Move chiama “resources”. Quindi un set di codice può essere utilizzato su qualsiasi numero di portafogli o collezioni di beni.

5. Anche come ethereum, pensa che la prova del gioco sia il futuro, ma non è ancora pronta .

“Nel corso del tempo, l’ammissibilità dei soci si sposterà per diventare completamente aperta e basata solo sulle partecipazioni di Libra dei membri”, promette il whitepaper, descrivendo un percorso verso la reale assenza di licenza.

Nel frattempo, il documento respinge l’approccio delle blockchain con il track record più lungo (vale a dire bitcoin), affermando: “Non abbiamo preso in considerazione protocolli basati su prove di lavoro a causa delle loro scarse prestazioni e dei costi energetici (e ambientali)”.

6. Come la moneta di Binance, consuma (brucia) molto.

Gli blockchain che si sono trasformati in consumo intenzionale di gettoni sono diventati molto influentil’anno scorso. Binance, lo scambio leader a livello mondiale, ha creato il token BNB , con il quale gli utenti potevano pagare le commissioni di trading con uno sconto. Binance ha aperto la strada ai falò dei token, bruciando regolarmente una parte significativa dei suoi profitti pagati in BNB.

La criptovaluta non userà la combustione per migliorare il valore della sua moneta. Piuttosto (come nel caso di stablecoin collateralizzati come il Tether), i token saranno emessi e bruciati costantemente, poiché l’associazione risponde ai turni di domanda per la sua riserva, senza fornitura di riserva massima o minima.

7. Come coda, gli utenti non hanno bisogno di conservare l’intera cronologia delle transazioni.

Un protocollo meno noto, Coda, fu uno dei primi a rendere disponibile il suo libro mastro . Gli utenti devono solo tenere una prova dell’ultimo blocco, che possono facilmente controllare su uno smartphone per assicurarsi che interagiscano con un libro mastro valido.

Allo stesso modo, su Libra, “i dati storici possono crescere oltre l’importo che può essere gestito da un singolo server. I validatori sono liberi di scartare i dati storici non necessari per elaborare nuove transazioni. ”

Lavori in corso

Anche altre questioni sono indecise. Ad esempio, la memorizzazione dei dati.

“Prevediamo che con l’utilizzo del sistema, alla fine la crescita dello storage associata agli account potrebbe diventare un problema”, afferma il whitepaper. Il documento anticipa ma non definisce un sistema di affitto per l’archiviazione dei dati.

Cita un certo numero di esempi di altre domande aperte, come il modo migliore per mantenere la sicurezza man mano che più validatori si uniscono alla rete, quante volte il pool di validatori può cambiare e come i moduli possono essere aggiornati in modo sicuro.

Come ammette il documento:

“Questo documento è il primo passo verso la costruzione di un’infrastruttura tecnica a supporto dell’ecosistema Libra. Pubblichiamo questo primo rapporto per ottenere un riscontro dalla comunità sulla progettazione iniziale, i piani per l’evoluzione del sistema e le sfide di ricerca attualmente non risolte discusse nella proposta. “