Il franco CFA  è il nome di due valute utilizzate in parti dei paesi dell’Africa occidentale e centrale che sono garantite dal tesoro francese. Le due valute del franco CFA sono il franco CFA dell’Africa occidentale (UEMOA) e il franco CFA dell’Africa centrale (CEMAC). Sebbene teoricamente separate, le due valute del franco CFA sono effettivamente intercambiabili.

Attuali livelli di cambio tra il Franco CFA e l’euro

In verde le zone che adottano il franco della Comunità Finanziaria dell’Africa (UEMOA). In rosso le zone che adottano il franco della Cooperazione Finanziaria dell’Africa Centrale (CEMAC).

Entrambi i franchi CFA hanno un tasso di cambio fisso per l’euro: 1 Euro = 655.9570 Franchi CFA.

Il cambio tra i due franchi

Sebbene i franchi CFA dell’Africa centrale e i franchi CFA dell’Africa occidentale siano sempre stati in parità e abbiano quindi sempre avuto lo stesso valore monetario rispetto alle altre valute, in linea di principio sono monete separate. Potrebbero teoricamente avere valori diversi da un momento all’altro se una delle due autorità monetarie CFA o la Francia lo decidessero. Pertanto, le monete e le banconote CFA dell’Africa occidentale non sono teoricamente accettate nei paesi che utilizzano franchi CFA dell’Africa centrale e viceversa. Tuttavia, in pratica, la parità permanente delle due monete del franco CFA è ampiamente assunta.

Chi utilizza il franco CFA?

I franchi CFA sono utilizzati in quattordici paesi: dodici nazioni precedentemente governate dalla Francia nell’Africa occidentale e centrale (esclusa la Guinea e la Mauritania, che si ritirò), più la Guinea-Bissau (ex colonia portoghese) e la Guinea equatoriale (ex colonia spagnola).
Nella zona franco rientrano otto Paesi dell’Africa occidentale (Benin, Burkina, Cote d’Ivoire, Guinea Bissau, Mali, Niger, Senegal e Togo) e sei Paesi dell’area centrale (Camerun, Centrafrica, Congo, Gabon, Guinea Equatoriale, Chad).
Questi quattordici paesi hanno una popolazione complessiva di 147,5 milioni di persone e un PIL combinato di 166,6 miliardi di dollari USA .

Creazione del franco CFA

Il franco CFA fu creato il 26 dicembre 1945, insieme al franco CFP. La ragione della loro creazione fu la debolezza del franco francese subito dopo la seconda guerra mondiale. Quando la Francia ratificò l’accordo di Bretton Woods nel dicembre 1945, il franco francese fu svalutato al fine di fissare un tasso di cambio fisso con il dollaro USA. Nuove valute furono create nelle colonie francesi per risparmiare loro la forte svalutazione, facilitando così le importazioni dalla Francia.
I funzionari francesi presentarono la decisione come un atto di generosità.
René Pleven, ministro delle finanze francese, dichiarò:

In uno spettacolo della sua generosità e altruismo, la Francia metropolitana, desiderando non imporre alle sue figlie lontane le conseguenze della sua stessa povertà, sta fissando diversi tassi di cambio per la loro valuta.

Opinioni sul franco CFA

I sostenitori del franco CFA si trovano soprattutto tra gli economisti francesi e gli esponenti dei governi e delle classi dirigenti dei paesi che lo adottano. Il loro principale argomento a favore della moneta è che, essendo vincolata all’euro, è stabile. Questo garantisce prezzi costanti, evita scossoni monetari, come improvvise vampate di inflazione, e permette scambi più semplici e sicuri con la Francia e il resto dell’Unione Europea. Per dimostrare la bontà del sistema viene spesso fatto l’esempio della Guinea, che abbandonò l’unione monetaria per poi farvi rapidamente ritorno a causa dell’inflazione e dell’instabilità che l’avevano colpita.

Alcuni franchi CFA cartacei

Altrettanto spesso, però, il franco CFA è criticato da intellettuali africani ed europei ed esponenti di partiti e movimenti anticolonialisti poiché è accusato di costituire un freno allo sviluppo di quei paesi e di essere uno strumento di controllo indiretto da parte della Francia. Da un lato, infatti, il cambio fisso permette alle élite urbane di spendere facilmente il loro denaro importando beni di lusso europei (acquistati molto spesso con i soldi frutto della corruzione endemica nella regione); dall’altro questo sistema permette alle multinazionali francesi di investire nei paesi africani senza temere un’improvvisa svalutazione.


La valutazione da parte dell’Unione europea del legame CFA con l’euro, effettuata nel 2008, ha rilevato che “i vantaggi derivanti dall’integrazione economica all’interno di ciascuna delle due unioni monetarie della zona franchi CFA, e ancor più tra loro, sono rimasti notevolmente bassi”, ma che “l’ancoraggio del cambio fisso al franco francese e, dal 1999, all’euro è solito avere effetti favorevoli nella regione in termini di stabilità macroeconomica”

Cosa venne stabilito a livello europeo?

Nel 1998, in previsione dell’Unione economica e monetaria dell’Unione europea, il Consiglio dell’Unione europea ha trattato gli accordi monetari che la Francia aveva con la zona CFA e le Comore e ha stabilito che:

  • È improbabile che gli accordi abbiano effetti rilevanti sulla politica monetaria e valutaria dell’Eurozona;
  • nelle loro attuali forme e stati di attuazione, è improbabile che gli accordi presentino ostacoli al buon funzionamento dell’unione economica e monetaria;
  • nulla negli accordi può essere interpretato come un obbligo per la BCE o qualsiasi banca centrale nazionale di sostenere la convertibilità dei franchi CFA e delle Comore;
  •  le modifiche agli accordi esistenti non porteranno ad alcun obbligo per la Banca centrale europea o qualsiasi banca centrale nazionale;
  • il Tesoro francese garantirà la libera convertibilità a parità fissa tra euro e franchi CFA e comoriani;
  • le autorità francesi competenti tengono informati la Commissione europea, la BCE e il comitato economico e finanziario sull’attuazione degli accordi. Inoltre informano il comitato prima delle modifiche della parità tra l’euro e il CFA e i franchi delle Comore;
  • qualsiasi modifica alla natura o alla portata degli accordi richiederebbe l’approvazione del Consiglio sulla base di una raccomandazione della Commissione e della consultazione della BCE.