No in questo articolo non si parlerà di agrumi bensì di situazioni in cui sarete sicuramente capitati. Vi è mai capitato di comprare un prodotto usato?
Benissimo allora potresti aver comprato dei limoni.

I limoni del Prof Akerlof

George Arthur Akerlof, economista e accademico statunitense, premio Nobel per l’Economia nel 2001

Il problema dei limoni è stato presentato in un documento di ricerca chiamato “The Market for ‘Lemons’: Quality Uncertainty and the Market Mechanism”, scritto alla fine degli anni ’60 da George A. Akerlof, economista e professore all’Università della California, a Berkeley. La frase simbolo che identificava il problema veniva dall’esempio delle auto usate che Akerlof utilizzò per illustrare il concetto di informazione asimmetrica, poiché le auto usate difettose vengono comunemente chiamate limoni negli USA (bidoni in Italia).

Dove si possono trovare dei “limoni”?

Il problema dei limoni (bidoni) esiste sul mercato sia per i prodotti di consumo che per quelli aziendali, e anche nel campo degli investimenti, legato alla disparità nel valore percepito di un investimento tra acquirenti e venditori. Il problema dei limoni è anche prevalente nelle aree del settore finanziario, compresi i mercati assicurativo e del credito. Ad esempio, nel campo della finanza aziendale, un istituto di credito ha informazioni asimmetriche e non ideali sull’affidabilità creditizia effettiva di un mutuatario.

Cause e conseguenze del problema dei limoni


Il problema delle informazioni asimmetriche deriva dal fatto che acquirenti e venditori non hanno le stesse quantità di informazioni necessarie per prendere una decisione informata su una transazione. Il venditore o il titolare di un prodotto o servizio di solito conosce il suo vero valore, o almeno sa se è superiore o inferiore alla media di qualità. I potenziali acquirenti, tuttavia, in genere non hanno questa conoscenza, dal momento che non sono a conoscenza di tutte le informazioni che il venditore ha.

Asimmetria informativa e perdite per chi vende prodotti di qualità

L’esempio originale di Akerlof sull’acquisto di un’auto usata ha rilevato che il potenziale acquirente di un’auto usata non può facilmente accertare il vero valore del veicolo. Pertanto, possono essere disposti a pagare non più di un prezzo medio, che percepiscono come qualcosa tra un prezzo d’occasione e un prezzo premium.
Adottando una simile posizione, a prima vista potrebbe sembrare che offra all’acquirente un certo grado di protezione finanziaria dal rischio di acquistare un bidone. Akerlof ha sottolineato, tuttavia, che questa posizione favorisce effettivamente il venditore, dal momento che ricevere un prezzo medio per un bidone sarebbe ancora superiore a quello che il venditore potrebbe ottenere se l’acquirente fosse a conoscenza del fatto che l’auto fosse un limone. Ironia della sorte, il problema dei limoni crea uno svantaggio per il venditore di un veicolo premium, dal momento che l’informazione asimmetrica del potenziale acquirente, e il conseguente timore di rimanere bloccati con un limone, significa che non sono disposti a offrire un prezzo premium per un veicolo di livello superiore.

Perdita di qualità nel mercato a causa dei limoni

Abbiamo detto che l’ipotesi migliore sulla quale si baserà l’acquirente è che l’auto sia di media qualità, per cui sarà disposto a pagarla il giusto prezzo per un’auto di media qualità.
Il proprietario di un’auto di qualità elevata, quindi, non riuscirà a venderla ad un prezzo così elevato da ritenere conveniente la vendita. Di conseguenza, i proprietari di auto in buono stato non cercheranno di piazzare i propri beni sul mercato delle auto usate. Il ritiro dei mezzi buoni riduce il livello qualitativo medio delle auto presenti nel mercato, determinando una revisione al ribasso delle aspettative sulla qualità delle auto da parte dei compratori. A loro volta, i proprietari di auto moderatamente buone decideranno di abbandonare il mercato, e via discorrendo.
Il risultato è che in un mercato nel quale si riscontra asimmetria informativa nei confronti della qualità, mostra caratteristiche simili a quelle descritte dalla Legge di Gresham.

Garanzie e informazioni

Akerlof ha proposto forti garanzie come mezzo per superare il problema dei limoni, in quanto possono proteggere un acquirente da eventuali conseguenze negative dell’acquisto di un limone. L’esplosione di informazioni ampiamente disponibili e diffuse attraverso Internet ha anche contribuito a ridurre il problema. I servizi di informazione (e il sistema delle recensioni) aiutano gli acquirenti a sentirsi più sicuri nel fare un acquisto, e anche a vantaggio dei venditori perché consentono loro di controllare i prezzi premium per prodotti veramente premium.