In economia, il moltiplicatore fiscale è il rapporto tra una variazione del reddito nazionale e il cambiamento nella spesa pubblica che la causa.
Più in generale, il moltiplicatore di spesa esogeno è il rapporto tra una variazione del reddito nazionale e un qualsiasi cambiamento autonomo della spesa (spesa per investimenti privati, spesa dei consumatori, spesa pubblica o spesa degli stranieri sulle esportazioni del paese) che lo causa.

Formula del moltiplicatore

Moltiplicatore fiscale

In cui Y= PIL c= Propensione marginale al consumo e A= Domanda aggregata

 

Moltiplicatore superiore a 1

Quando questo moltiplicatore supera uno, l’effetto potenziato sul reddito nazionale è chiamato effetto moltiplicatore. Il meccanismo che può generare un effetto moltiplicatore è che un ammontare incrementale iniziale di spesa può portare a un aumento del reddito e quindi a una maggiore spesa per consumi, aumentando ulteriormente il reddito e quindi aumentando ulteriormente i consumi, ecc., Determinando un aumento complessivo del reddito nazionale maggiore rispetto all’importo incrementale iniziale della spesa. In altre parole, un cambiamento iniziale nella domanda aggregata può causare una variazione nel prodotto aggregato (e quindi il reddito complessivo che genera) che è un multiplo del cambiamento iniziale.

L’inventore del moltiplicatore

Contrariamente a quel che si pensa, ‘esistenza di un effetto moltiplicatore fu inizialmente proposta da Richard Kahn (all’epoca studente di Keynes) nel 1930 e pubblicata nel 1931 e non da Keynes. Altre scuole di pensiero economico rifiutano o minimizzano l’importanza degli effetti moltiplicatori, in particolare in termini di lungo periodo. L’effetto moltiplicatore è stato utilizzato come argomentazione per l’efficacia della spesa pubblica o l’agevolazione fiscale per stimolare la domanda aggregata.

Spesa pubblica netta

L’altro aspetto importante del moltiplicatore è che nella misura in cui la spesa pubblica genera nuovi consumi, genera anche “nuove” entrate fiscali. Ad esempio, quando il denaro viene speso in un negozio, le tasse di acquisto come l’IVA vengono pagate sulla spesa e il negoziante guadagna un reddito più alto, e quindi paga più tasse sul reddito. Pertanto, sebbene il governo spenda € 1, è probabile che riceva una parte significativa di € 1 a tempo debito, rendendo la spesa netta molto inferiore a € 1. Effettivamente, in teoria, è possibile, se la spesa iniziale è mirata bene, che il governo possa ricevere indietro più del € 1 iniziale speso.

Esempio

Ad esempio, supponiamo che un governo spenda € 1 milione per costruire una fabbrica. I soldi non scompaiono, ma diventano salari per i costruttori, entrate per i fornitori, ecc. I costruttori avranno un reddito disponibile più elevato e il consumo potrebbe aumentare, così che anche la domanda aggregata aumenterà. Supponendo inoltre che i destinatari delle nuove spese da parte del governo a loro volta spendono il loro nuovo reddito, questo aumenterà la domanda e, eventualmente, il consumo, e così via.

Aumento del PIL

L’aumento del prodotto interno lordo è la somma degli aumenti del reddito netto di tutti gli interessati. Se il costruttore riceve € 1 milione e paga € 800.000 ai subappaltatori, ha un reddito netto di € 200.000 e un corrispondente aumento del reddito disponibile (l’importo rimanente al netto delle imposte).
Questo processo procede a valle attraverso i subappaltatori e i loro dipendenti, ciascuno con un aumento del reddito disponibile nella misura in cui il nuovo lavoro che svolgono non sostituisce altri lavori già eseguiti. Ogni partecipante che sperimenta un aumento del reddito disponibile ne spende una parte su beni finali (di consumo), in base alla sua propensione marginale al consumo, il che fa ripetere il ciclo un numero arbitrario di volte, limitato solo dalla capacità inutilizzata a disposizione.

Critiche

Spiazzamento

È stato affermato che un aumento dell’attività fiscale non sempre porta ad un aumento dell’attività economica perché la spesa in disavanzo può ammassare finanziamenti per altre attività economiche, facendo salire i tassi di interesse.
Si presume che questo fenomeno sia meno probabile in una recessione, quando il tasso di risparmio è tradizionalmente più elevato e il capitale non viene pienamente utilizzato nel mercato privato.

Propensione marginale al consumo

Il moltiplicatore si basa sulla PMC (propensione marginale al consumo).
L’uso del termine PMC spesso si fa riferimento alla PMC di un paese (o un’unità economica simile) nel suo complesso, e la teoria e le formule matematiche si applicano a questo uso del termine. Tuttavia, gli individui hanno una PMC che non è omogeneo in tutta la società.
Alcuni consumi possono essere considerati più benevoli (per l’economia) di altri. Pertanto, la spesa potrebbe essere mirata laddove sarebbe più vantaggiosa, e quindi essere amplificata dalla più alta (più vicina a 1) PMC. Tradizionalmente il settore economico a più alto moltiplicatore è considerato quello edilizio (che porta anche un beneficio diretto nella forma del prodotto finito).
Chiaramente, alcuni settori della società hanno probabilmente una PMC molto più alta di altri. Chi ha una ricchezza superiore alla media può avere una PMC molto bassa, (nel breve termine, almeno) quasi pari a zero, risparmiando la maggior parte di qualsiasi reddito extra. Ma un neoassunto può avere una PMC pari a 1. Altri individui con un alto e benevolo PMC includerebbero quasi chiunque con un reddito basso, gli studenti, i genitori con bambini piccoli e i disoccupati.