SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

L’indecisione dei mercati finanziari: manca l’ottimismo?

Torniamo al 2008: dall’ultima crisi economica sono passati 11 anni, l’economia si è ripresa e i mercati finanziari hanno raggiunto nuovi massimi, specialmente gli indici USA, i quali hanno superato il 300% di rendimento dall’ultimo crollo. Ci si può riferire a questa crescita come la più grande “bull ran” della storia dei mercati.

Qual è la situazione attuale?

L’ultima flessione, di circa il 20%, l’abbiamo vista nel periodo che intercorre tra la fine di Ottobre e il 24 Dicembre del 2018. Tuttavia, il mercato si è ripreso raggiungendo nuovi picchi, in quella che è la seconda più grande salita da inizio anno della storia, dopo quella del 1987.

Durante il 1987, l’S&P 500 ha registrato un +40% prima del crollo

Solamente guardando i grafici degli indici di borsa ci si aspetterebbe un’economia solida, autosostenuta da se stessa e dalla finanza. Sappiamo che non è così. I dubbi sulla solidità del sistema economico-finanziario sorgono già alla visione di un ulteriore grafico: i rendimenti delle obbligazioni americane a 10 anni.

Quale segnale danno questi titoli?

Il rendimento dei Treasury a 10 anni indica il livello di fiducia che investitori e traders hanno nell’economia americana. Il fatto che si parli di obbligazioni a scadenza decennale implica che è preso in considerazione il cosiddetto long run o lungo periodo. Da circa Dicembre 2018 il rendimento a dieci anni è in trend negativo e ora si aggira intorno all’ 1.5%. Se gli yields scendono significa che sempre più posizioni lunghe vengono aperte, cioè che gli investitori stanno comprando sempre più Treasury.

Questo è un dato importante: se gli investitori comprano dei titoli per avere un guadagno basso ma certo dopo 10 anni è perché hanno poca fiducia nel breve periodo e quindi nei mercati finanziari.

Confronto tra l’S&P 500 (linea rossa) e i Treasury a 10 anni (linea blu)

Come si può notare dal grafico, lo S&P500 (linea rossa) è in trend rialzista, sempre verso nuovi massimi, anche dopo il flash crash di Dicembre, mentre la curva dei rendimenti dei titoli di Stato decennali americani (linea blu) è direzionata al ribasso, trend sviluppatosi proprio in contemporanea alla discesa dell’azionario.

La mancanza di totale fiducia è indicata anche dall’inversione della Treasury yield curve: le obbligazioni a breve periodo (tre mesi) hanno iniziato a rendere maggiormente delle già discusse obbligazioni di lungo. Il significato è sempre lo stesso: vengono comprati sempre più bond a lungo periodo, perciò il rendimento cala. Questo fenomeno è un ulteriore segno di sfiducia nell’economia nello short term. Come sappiamo questa inversione è stata quasi sempre sinonimo di recessione.

L’inversione della curva dei rendimenti

Il sentiment degli investitori

Differenze dell’ottimismo di grandi e piccoli investitori

Gli smart money sono gli investitori istituzionali, ossia i fondi d’investimento e le grandi banche. I dumb money sono i trader retail e i risparmiatori. Com’è possibile osservare, poco prima del flash crash la fiducia degli “investitori intelligenti” stava calando, viceversa per quella degli “stupidi”. Dopo la flessione, invece, l’indice è stato spinto in alto dall’ottimismo dei grandi.

Al contrario, ciò che sembra stia mantenendo ad alti livelli i mercati finanziari in questo momento è la soddisfazione dei dumb, essendo quella degli smart al minimo. Questo può spiegare il calo dei rendimenti dei Treasury: gli investitori istituzionali, avendo poca fiducia nell’azionario stanno comprando obbligazioni di Stato a lungo termine.

La cosa interessante, osservata anche dall’economista Robert Shiller nel suo libro <<Euforia irrazionale>>, è che le crisi dei mercati finanziari accadono quanto l’ottimismo degli stupidi” è alto, cioè quando essi sono euforici.

I Buybacks

Il buyback è la pratica attraverso cui un’azienda compra nel mercato le proprie azioni al fine di sostenerne o rialzarne il prezzo artificialmente.

Il valore dei buybacks

Come si può osservare dal grafico, la pratica di acquisto di azioni proprie delle aziende quotate nell’S&P 500 vale oltre 200 miliardi di dollari. Numeri stratosferici, sostenuti da un altro importante fenomeno: i tagli ai tassi d’interesse.

Dopo che il 31 Luglio 2019 la FED ha annunciato il taglio dei tassi di un quarto di punto lo stock market si è flesso leggermente. Ciò a causa del fatto che Powell, esprimendosi male, si è riferito a questa diminuzione come un abbassamento una tantum, correggendosi poco dopo, riportando l’indice alla soglia dei 2900.

Uno dei motivi è che il ribasso dei tassi implica maggior possibilità di indebitamento (in continuo aumento) a costo ridotto per le aziende, le quali possono aumentare gli investimenti o, appunto, i buybacks, sostenendo l’economia e riparandosi dalle discese in borsa.

CUE FACT CHECKING

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here