SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Investire con l’equity crowdfunding

Con il Crowdfunding è facile

Dal 2013 in Italia si possono finanziare giovani imprese non quotate in cambio di quote societarie. Occorre rivolgersi a un portale autorizzato, riempire un questionario di idoneità e procedere con l’investimento, da 250 euro in su.

In cosa consiste?

L’equity crowdfunding è una forma di investimento relativamente nuova in Italia. Consente alla “folla” di investitori (crowd) di finanziare startup o piccole e medie imprese (pmi) innovative attraverso portali online autorizzati, erogando un contributo finanziario in cambio di quote societarie delle stesse imprese.

equity crowdfunding
Fonte: economyup

Come è nato l’equity crowdfunding?

Questa modalità di raccolta fondi è stata normata in Italia nel 2013. Il nostro Paese è stato il primo in Europa a introdurre questo tipo di normativa con una legge e un successivo regolamento. Inizialmente però l’equity crowdfunding non è decollato anche a causa di norme considerate restrittive dai player del settore. Dopo un avvio a rilento, questo mercato ha iniziato a crescere sempre di più. A giugno 2018, l’equity crowdfounding aveva un giro complessivo di 33 milioni di Euro, quasi tre volte il totale dell’anno precedente. Questi risultati hanno portato i risultati di raccolta italiani ad un livello praticamente identico a quello dei loro omologhi stranieri.

Come funziona?

equity crowdfunding
Fonte: progettodivita

Il core di questo sistema è l’investimento in imprese che si ritiene abbiano un grosso potenziale di crescita. I soldi investiti sono inizialmente scambiati con quote del capitale della società. Nel caso di successo, le azioni aumentano di valore e con esso il guadagno ricavato dalla loro vendite. Volendo mantenere le azioni, si possono incassare i dividendi.

Le procedure

  • Valutazione delle startup

Investire significa anche rischiare ed è quindi fondamentale scegliere con cura l’impresa su cui puntare. Il progetto deve essere ripetibile in serie ed essere sostenuto da un modello di business dinamico e flessibile.

  • Trovare un portale autorizzato e valutare le offerte

Un passo cruciale per investire nell’equity crowdfounding è quello di trovare un portale di intermediazione autorizzato. Farlo è semplice: tutti i portali sono registrati nel sito della Consob. Dopo essersi iscritti al portale, i dati saranno utilizzati per ottenere il rimborso nel caso non sia stato raggiunto i target. L’imprenditore può anche non avere un’idea precisa su cosa voglia investire ma questo non è un problema. Come su un Amazon qualunque, si possono cercare le startup più adatte alle proprie idee ed esigenze e poi scegliere cosa fare. Per ogni startup sono fornite le seguenti informazioni:

  • la descrizione delle attività della startup o pmi
  • i traguardi raggiunti
  • i traguardi che si prefigge e come intende utilizzare il finanziamento che vuole ottenere

Equity Crowdfunding Cloud
Fonte: Crowdfunding Cloud

  • Verificare la propria idoneità

Tramite il portale, l’investitore ricevere i documenti necessari per completare l’operazione. Una volta avuti i dati, il portale fornirà una diagnostica al soggetto. Questo processo serve a verificare se l’investitore può sopportare i rischi di un progetto ad alto rischio.

  • la fase finale

In caso di idoneità, i gestori del portale provvedono a fornire all’investitore le istruzioni per procedere all’investimento.

Le migliori piattaforme italiane

La triade al comando per quanto riguarda la raccolta è composta da Mamacrowd, Crowdfundme e Walliance. Questi tre portali da soli hanno totalizzato quasi il 70% della raccolta totale. Oltre a queste altre due hanno superato i due milioni di Euro, Opstart e 200 Crowd, mentre BacktoWork24, Starsup e WeAreStarting hanno tagliato il traguardo del milione.

Nei primi 6 mesi del 2018 nel portale Mamacrowd sono stati raccolti 4,35 milioni di euro pari al 91% del totale. Grazie a queste cifre Mamacrowd si posiziona come la prima piattaforma Italia per volumi di investimenti raccolti. Dal 2016, anno di inizio delle attività, a oggi, la piattaforma ha raggiunto quota 11 milioni di euro.

Le agevolazioni fiscali

Con il nuovo anno, l’equity crowdfounding è diventato più conveniente: le detrazioni e deduzioni fiscali sono passate dal 30 al 40%. Va sottolineato che questo aumento riguarda solo gli investimenti effettuati nel 2019. La Manovra finanziaria 2019 ha delineato l’aumento sotto forma di detrazioni IRPEF, per le persone fisiche, e di deduzioni IRES, per le persone giuridiche. Le persone fisiche avranno un massimo del 40% detraibile per gli investimenti in startup e PMI innovative, fino a un milione di Euro.

SmartMicroOptics su Mamacrowd: investire in startup è facile con l’equity crowdfunding

CUE FACT CHECKING

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Andrea Nolihttps://financecue.it
Ho una laurea Triennale in Economia e gestione e una Magistrale in Scienze economiche. Scrivo principalmente di Economia ambientale, biografie, teoria economica e Comportamentale.