Home » Jiang Zemin: morto il Presidente che avvicinò l’economia cinese a quella occidentale

Jiang Zemin: morto il Presidente che avvicinò l’economia cinese a quella occidentale

L'agenzia di stato cinese Xinhua, ha annunciato oggi la notizia della dipartita di Jiang Zemin. Fu il leader che avvicinò l'economia cinese a quella occidentale, ma soprattutto sulla strada per diventare una superpotenza.

Categorie Attualità · Economia · Politica
Vuoi leggere tutti gli articoli del network (oltre 10.000) senza pubblicità?
ABBONATI A 0,96€/SETTIMANA

E’ stata annunciata, dall’agenzia di stato cinese Xinhua, la notizia della dipartita, all’età di 96 anni, di Jiang Zemin, leader della Cina negli anni Novanta e nei primi anni Duemila.

Una foto d'archivio di Jiang Zemin. Xinhua
Una foto d’archivio di Jiang Zemin, deceduto a causa di leucemia a Shanghai alle 12:13 del 30 novembre 2022, all’età di 96 anni. Credits:Xinhua

Chi era Jiang Zemin?

…Il compagno Jiang Zemin è stato un leader eccezionale […] un grande marxista, un grande rivoluzionario proletario, statista, stratega militare e diplomatico, un lungo combattente comunista collaudato e leader eccezionale della grande causa del socialismo con caratteristiche cinesi.

Lettera indirizzata a tutto il Partito, a tutti i militari e al popolo cinese di tutte le etnie.

E’ stato segretario generale del Partito comunista cinese, la carica più importante del paese, tra il 1989 e il 2002. In qualità di presidente della Cina, tra il 1993 e il 2003, trasformò il paese nella prima potenza manifatturiera mondiale, e in quella che venne poi chiamata “la fabbrica del mondo”.

La gran parte dei beni di consumo usati in Occidente e nel resto del mondo veniva prodotta dalla Cina. La Cina conobbe un periodo di crescita ed espansione economica eccezionali.

Tra il 1978 ed il 2018, la Cina è rapidamente passata da un prodotto interno lordo pro capite pari a soli $160 dollari ad un pil pro capite di oltre $8,830 dollari. Una “super potenza”, capace di competere con gli Stati Uniti in diversi settori.

prodotto-interno-lordo-cina
 Prodotto interno lordo pro capite (US$ dollari attuali) della Cina tra il 1960 ed il 2017. Dati presi dalla Banca Mondiale..

Tra il 1997 ed il 1998 fu avviato un processo di privatizzazione su larga scala. Un importante cammino di transizione da economia comunista ad economia di mercato (seppur ancora molto imperfetta). Moltissime imprese statali, tranne alcuni grandi monopoli, furono liquidate e le loro attività vendute a investitori privati.

Il percorso di liberalizzazione dell’economia cinese continuò con riforme per allineare il proprio sistema normativo a quello delle grandi organizzazioni capitalistiche internazionali. In particolare, questo processo ha consentito alla Cina di aderire nel dicembre 2001 al Wto (World Trade Organization). Consentì al paese di integrarsi strettamente con le economie degli Stati Uniti e dell’Europa e di entrare a pieno titolo nel sistema economico globalizzato.

Immagini gratis di Jiayuguan

Tra Jiang e i leader internazionali i rapporti, diplomatici e personali, furono sempre molto buoni. Questo fu favorito dalla personalità piuttosto sopra le righe di Jiang, che amava cantare canzoni in inglese, aveva una passione per i film di Hollywood e faceva interviste con i media occidentali, cosa che non sarebbe praticamente più successa con i leader successivi.

60 Minutes, un noto programma televisivo americano, nel corso del quale Jiang Zemin recitò a memoria un discorso di Abramo Lincoln.

Insomma, una delle figure principali della storia cinese degli ultimi decenni. Oltre che il fulcro della terza generazione di leadership del PCC e il principale fondatore della Teoria dei Tre Rappresentanti.

Teoria dei Tre Rappresentanti

La teoria delle tre rappresentanze è una teoria elaborata dal segretario generale del Partito Comunista Cinese (PCC) Jiang Zemin. L’importanza ideologica delle “Tre rappresentanze” costituisce le fondamento della costruzione del PCC, la base su cui gestire il potere e la fonte della sua forza.

Immagini gratis di Parete

Secondo tale dottrina, il potere e la forza del PCC derivano dal fatto che esso rappresenti:

  • Le direzioni delle forze produttive che possano valorizzare l’economia nazionale e di migliorare il tenore di vita della popolazione.
  • La propria cultura socialista nazionale e la scienza. Cioè affinché il Paese possa progredire è necessario integrare i principi del marxismo e le conquiste culturali degli altri Paesi. Apprezzando quest’ultimi per la loro cultura avanzata.
  • Gli interessi fondamentali della maggior parte del popolo cinese: il benessere economico, la pace e il progresso.

We want to learn from the west about science and technology and how to manage the economy, but this must be combined with specific conditions here. That’s how we have made great progress in the last twenty years.

Jiang Zemin

Lascia un commento