Quasi il 60% delle banche del mondo ha bisogno di apportare modifiche o lotterà duramente per la sopravvivenza durante la prossima recessione. Lo ha affermato McKinsey nell’ultima revisione bancaria globale.

La società di consulenza ha avvertito le banche

A un decennio dalla crisi finanziaria globale, i segnali che il settore bancario è entrato nella fase tardiva del ciclo economico sono chiari: la crescita dei volumi e dei ricavi di punta sta rallentando, con una crescita dei prestiti di appena il 4% nel 2018, il più basso negli ultimi cinque anni e ben 150 punti base (pb) al di sotto della crescita del PIL nominale.

I rendimenti non sono soddisfacenti

L’attività bancaria globale si avvicina alla fine del ciclo in condizioni di salute tutt’altro che ideali, con quasi il 60% delle banche che delibera rendimenti al di sotto del costo del capitale. Un rallentamento economico prolungato con tassi di interesse bassi o addirittura negativi potrebbe provocare ulteriore caos.

Come è potuto succedere?

Molte banche affrontano maggiori rischi a causa di “geografia, scala, differenziazione e modello di business”, ha affermato McKinsey.

I rendimenti delle banche americane sono 10 punti percentuali più elevati rispetto a quelli delle banche europeo, ha affermato la società di consulenza. Le banche più grandi generano rendimenti più forti di quelle più piccole, “in un paese, in una regione o in un segmento di clientela”, ha aggiunto.

McKinsey ha affermato che le banche che differenziano le proprie attività potrebbero avere un vantaggio rispetto ai loro pari. Ha inoltre avvertito che un nuovo modello di business potrebbe compensare altri vantaggi.

Cosa devono fare le banche?

McKinsey ha invitato le banche ad essere audaci e ha suggerito loro di ispirarsi ad Amazon e alla compagnia assicurativa cinese Ping An.

“In Cina, Ping An ha creato un ecosistema che include servizi sanitari, automobilistici, di intrattenimento e turistici, mentre negli Stati Uniti Amazon offre alle aziende la tradizionale suite bancaria (ovvero conti correnti, carte di credito, prestiti non garantiti), mentre si collega all’ecosistema Amazon, che comprende prodotti e servizi non finanziari.”

Le banche sono indietro

Le banche non stanno investendo abbastanza per rimanere competitive con i nuovi rivali. Sempre più clienti si affidano a grandi aziende tecnologiche come Amazon e Google per gestire le loro esigenze finanziarie, ha affermato McKinsey, ma le banche spendono solo il 35% del loro budget per l’innovazione rispetto al 70% speso dalle fintechs.

Le partnership possono essere fondamentali

I finanziatori dovrebbero anche esplorare nuovi modi per soddisfare le esigenze dei clienti, soprattutto se risparmiano denaro, ha affermato McKinsey.
“Sia le fusioni che le acquisizioni (M&A), nonché le partnership” possono aiutare anche loro a rimanere a galla soprattutto se stringono accordi con i fintech che migliorano la loro tecnologia e le loro dimensioni.