La guerra commerciale USA-Cina si è intensificata di nuovo venerdì dopo che la Cina ha annunciato nuovi dazi sui beni statunitensi. La Cina ha recentemente imposto una nuova serie di dazi per circa 75 miliardi di dollari di beni statunitensi. Inoltre, la Cina imporrebbe una tariffa aggiuntiva del 5% o del 10% sulle merci statunitensi in due turni, uno il 1 ° settembre e l’altro il 15 dicembre.

La Cina si vendica con nuovi dazi

I nuovi dazi cinesi avrebbero come target più di 5.000 prodotti , tra cui semi di soia, petrolio greggio, caffè e whisky. La Cina riprenderà anche ad imporre dazi sulle importazioni statunitensi di automobili e ricambi auto.

I nuovi dazi sono stati decisi come ritorsione ai dazi pianificati dal presidente Donald Trump sulle merci cinesi importate. Il 1 ° agosto, Trump ha dichiarato che la sua amministrazione avrebbe imposto dazi aggiuntivi del 10% su $ 300 miliardi di merci cinesi importate negli USA a partire da settembre e ieri lo ha ribadito.

La svalutazione dello Yuan

Oltre a questo la Cina si è vendicata svalutando la sua valuta yuan (o renminbi) al suo livello più basso nell’ultimo decennio. Secondo quanto riferito dalla agenzie di stampa, la Cina ha anche limitato l’acquisto di prodotti agricoli statunitensi e ha annunciato che avrebbe imposto ulteriori dazi sui prodotti agricoli acquistati dagli Stati Uniti dopo il 3 agosto (in porticolar modo soia e cereali).

Trump ha reagito attraverso i suoi tweet

Attraverso una serie di tweet, il presidente Trump ha ordinato alle società e ai produttori statunitensi di interrompere le loro operazioni in Cina e di trovare un’alternativa alle attività commerciali nel paese. Venerdì con 4 tweets collegati , Trump ha dichiarato:

Il nostro Paese ha perso, stupidamente, miliardi di dollari con la Cina per molti anni. Hanno rubato la nostra proprietà intellettuale al ritmo di centinaia di miliardi di dollari all’anno e vogliono continuare a farlo. Non lascerò che ciò accada! Non abbiamo bisogno della Cina e, francamente, staremmo molto meglio senza di loro. Le enormi quantità di denaro rubate dalla Cina agli Stati Uniti, anno dopo anno, per decenni, dovranno fermarsi. Alle nostre grandi aziende americane viene ordinato di iniziare immediatamente a cercare un’alternativa alla Cina, incluso portare le vostre aziende a casa e realizzare i vostri prodotti negli Stati Uniti. Oggi pomeriggio risponderò ai dazi cinesi. Questa è una GRANDE opportunità per gli Stati Uniti. Inoltre, sto ordinando a tutti i corrieri, tra cui Fed Ex, Amazon, UPS e l’ufficio postale, di ricercare e rifiutare tutte le consegne di Fentanyl dalla Cina (o da qualsiasi altra parte!). Fentanyl uccide 100.000 americani all’anno. Il presidente Xi ha detto che questo smetterà di accadere ma non è vero. La nostra economia, in seguito alla crescita degli ultimi 2 anni e mezzo, è MOLTO più grande di quella della Cina. La terremo così!

Oltre a questo c’è stato anche l’attacco a Powell

Nella giornata di ieri il Presidente Donald Trump ha anche attaccato duramente il Presidente della Fed.
Secondo il Presidente Trump Jerome Powell avrebbe dovuto dare chiari segnali al mercato su possibili riduzioni dei tassi di interesse, cosa che non è avvenuta.
Infatti il Presidente della FED ha dichiarato che l’Economia statunitense è solida e non dà segnali negativi, facendo intentere che ancora per un po’ non agira.

Per tutta risposta Trump si è chiesto chi fosse il più grande nemico degli USA tra lui e Xi Jinping.

La risposta dei corrieri

In risposta, UPS ha osservato che la compagnia “segue tutte le leggi e gli ordini amministrativi applicabili dei governi nei paesi in cui operiamo. Lavoriamo a stretto contatto con le autorità di regolamentazione per monitorare le sostanze proibite “.

La dichiarazione di FedEx è stata simile, come osservato dal colosso delle consegne, “FedEx ha già messo in atto ampie misure di sicurezza per impedire l’uso delle nostre reti a scopi illegali. Seguiamo le leggi e i regolamenti ovunque operiamo e abbiamo una lunga storia di stretta collaborazione con le autorità “.

Gli effetti sulla borsa

Gli indici statunitensi hanno reagito ai tweet di Trump.
Venerdì, la media industriale di Dow Jones ha segnato una flessione dioltre 600 punti (o 2,3%). L’S&P500 e il Nasdaq  hanno subito una flessione rispettivamente del 2,6% e del 3,15%.
Anche i valori dei titoli del Tesoro USA sono diminuiti quando gli investitori si sono diretti verso i beni rifugio.

Gli effetti su Apple

Apple nella giornata di ieri ha perso il 4,62%.
Apple è molto sensibile ai problemi dovuti alla guerra commerciale.
Secondo un  rapporto Bloomberg , Apple ha generato quasi il 20% dei suoi ricavi dalla Cina nel 2018.

La Cina è fondamentale per le vendite di iPhone di Apple, poiché il paese è il più grande mercato di smartphone al mondo. Inoltre, Apple progetta i suoi modelli di iPhone negli Stati Uniti, ma li assembla in Cina. Apple aveva già programmato di spostare parte della sua produzione fuori dalla Cina a giugno. Tuttavia, potrebbe essere necessario più tempo per lasciare del tutto il paese.

Anche i semiconduttori hanno subito ingenti perdite

Con una forte esposizione alla Cina, anche le scorte di semiconduttori sono influenzate dalla guerra commerciale. Secondo gli strateghi di Morgan Stanley , citati dalla CNBC a giugno, le scorte di semiconduttori e chip generano oltre il 50% dei loro ricavi dalla Cina.

NVIDIA , Advanced Micro Devices (AMD), Broadcom , Micron e Qualcomm hanno perso tra il 4 e il 6% durante la sessione di venerdì. Anche l’ETF VanEck Vectors Semiconductor ( SMH ) è scivolato del 3,9% con il crollo delle scorte di chip.

Lo scenario torna cupo

Questa guerra tariffaria di ritorsione sta facendo pressione sulle economie di entrambi i paesi. Lunedì, il segretario al commercio Wilbur Ross ha concesso una ulteriore sospensione di 90 giorni a Huawei , consentendo alle società di telecomunicazioni cinesi di acquistare componenti da società con sede negli Stati Uniti.
La sospensione aveva aumentato le speranze degli investitori su un possibile allentamento nella guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina. Tuttavia, poiché entrambi i paesi hanno ripreso la guerra commerciale con nuovi giri di dazi, lo scenario del mercato globale è tornato a essere cupo.