Home » Sanzioni internazionali, mezzo per prevenire e combattere il terrorismo

Sanzioni internazionali, mezzo per prevenire e combattere il terrorismo

Nel quadro giuridico internazionale, per prevenire e combattere il terrorismo, la proliferazione delle armi di distruzione di massa e il loro finanziamento, sono state introdotte, attraverso risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, delle misure preventive (note come "misure restrittive" o "sanzioni internazionali") contro individui che sono in qualche modo associati a una rete terroristica o ad attività legate al commercio di armi di distruzione di massa.

Categorie Finanza · Internazionale
Vuoi leggere tutti gli articoli del network (oltre 10.000) senza pubblicità?
ABBONATI A 0,96€/SETTIMANA

I tipi di “misure restrittive” adottate dal Consiglio di Sicurezza dell’ONU includono sanzioni economiche, embarghi di armi, restrizioni finanziarie, divieti di viaggio, sospensione delle relazioni diplomatiche e persino azioni militari collettive. Tra le sanzioni internazionali stabilite dall’ONU ci sono il congelamento di beni o fondi di particolare importanza utilizzati contro persone, gruppi o entità designate dal Consiglio di Sicurezza o dai suoi comitati. Questi designano le persone che, sulla base dei criteri stabiliti di volta in volta nelle risoluzioni, sono considerate in qualche modo legate al terrorismo o al suo finanziamento. L’introduzione di una misura di congelamento è quindi di particolare importanza: impedire a tali entità di utilizzare il sistema finanziario globale per facilitare le attività criminali.

sanzioni internazionali

I tipi di sanzioni internazionali

Le sanzioni internazionali sono quindi restrizioni o divieti imposti contro gruppi, individui o entità dal diritto internazionale. La comunità internazionale può usare le sanzioni per agire contro uno stato o un regime quando viola i diritti umani o minaccia la pace e la sicurezza internazionale. Le sanzioni internazionali mirano a cambiare il comportamento di uno stato per ripristinare la pace, la sicurezza e lo stato di diritto. Lo scopo ultimo è quello di modificare o limitare un comportamento indesiderabile o di dissuadere altri stati dallo scegliere azioni indesiderabili.

Le sanzioni internazionali variano a seconda del paese e della situazione. I principali tipi di sanzioni includono:

  • restrizioni finanziarie, ovvero restrizioni su risorse e strumenti finanziari posseduti, detenuti o controllati da un’entità di diritto internazionale, una persona fisica o giuridica o altre entità sulla lista delle Nazioni Unite;
  • restrizioni civili
  • restrizioni su tutti i tipi di transazioni in risorse economiche quando queste transazioni implicano un cambio di proprietà o quando lo scopo di queste transazioni è quello di fornire contanti o altri tipi di risorse economiche alle persone elencate
Sanzioni internazionali

Chi sono i soggetti?

Anche se si sovrappone o è collegato ad altri crimini finanziari, il finanziamento dei programmi di proliferazione ha caratteristiche uniche e distintive, in particolare il fatto che è controllato dagli stati nazionali. Un aspetto importante è che coloro che sono attivi nella proliferazione non sono solo quelli ufficialmente identificati ed elencati dalle Nazioni Unite. In base ai risultati delle Nazioni, un’ampia rete di attori è coinvolta nelle attività di proliferazione, comprese società di copertura, agenti, broker e banche corrispondenti, e in alcuni casi utilizzando servizi finanziari complessi come trust o fondi. È quindi più che mai opportuno che le persone designate dall’ONU per effettuare i controlli non si limitino a verificare se tali persone/entità/gruppi siano tra i clienti di entità inserite nella lista delle Nazioni Unite, poiché questa minaccia va ben oltre le possibili attività (finanziarie). Le persone designate devono verificare, sia prima di entrare in una relazione d’affari o condurre una transazione occasionale (e quando tentano di farlo) sia nel corso della relazione d’affari, che il cliente e le persone associate al cliente (ad esempio, proprietari effettivi, agenti, originatori) o che lavorano con il cliente (ad esempio, originatori e destinatari di rimesse) non siano presenti nelle liste ONU o nazionali. È inoltre essenziale che la persona designata controlli anche le transazioni che meritano un esame speciale, cioè quelle transazioni che hanno una corrispondenza positiva con gli indicatori associati a questa minaccia.

I beni soggetti a congelamento

Secondo l’articolo 10 della legge del 29 marzo 2019 n. 57, le misure restrittive includono il congelamento per i seguenti tipi di beni:

  • beni o fondi posseduti o controllati, in tutto o in parte, direttamente o indirettamente, da persone, gruppi o entità figuranti negli elenchi dell’ONU
  • beni o fondi derivati da fondi o altri benefici posseduti o controllati, direttamente o indirettamente, da persone, gruppi o entità figuranti negli elenchi dell’ONU
  • beni o fondi di persone, gruppi o entità che agiscono nell’interesse o sotto la direzione di persone figuranti nei suddetti elenchi (restrizioni di altro tipo, tra cui restrizioni all’assistenza tecnica, divieti di volo, divieti di ingresso o di transito, sanzioni diplomatiche, sospensione della cooperazione e boicottaggi di eventi sportivi).

Date le precedenti condizioni, la fornitura di servizi, come, tra l’altro, la gestione di proprietà o l’uso di cassette di sicurezza, alle persone sulla lista delle Nazioni Unite dovrebbe quindi essere considerata come vietata. Il Congresso degli Stati ha voluto introdurre ulteriori misure restrittive, prevede l’estensione di tali misure e adottare disposizioni specifiche relative al contenuto delle risoluzioni adottate dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

Definizioni relative al congelamento

Il congelamento dei beni o dei fondi è una delle misure restrittive contro le persone sulle liste dell’ONU o nazionali. È definito all’articolo 1, comma 1, lettera e), della legge 29 marzo 2019, n. 57, come “il divieto di spostare, trasferire, alterare, disporre, utilizzare o gestire fondi o risorse economiche o di accedervi in modo da modificarne la quantità, l’importo, il valore, la collocazione, la proprietà, il possesso, la natura, la destinazione o di provocare qualsiasi altro cambiamento che ne consenta l’utilizzo, compresi, ma non solo, la gestione di portafoglio, la vendita, la locazione, l’affitto o la creazione di pegni“.

Il termine “proprietà” o “fondi” è definito all’articolo 1 che li identifica come “beni di qualsiasi tipo, materiali o immateriali, mobili o immobili, indipendentemente dal modo in cui vengono acquisiti, compresi i mezzi di pagamento e di credito, qualsiasi documento o strumento, anche elettronico o digitale, che possa provare il diritto o la disponibilità di tali beni; risorse finanziarie e risorse economiche, comprese le risorse naturali, di qualsiasi tipo, materiali o immateriali, mobili o immobili, comunque acquisite, compresi gli accessori, l’armamentario e i frutti, che possono essere utilizzati per ottenere fondi, beni o servizi, nonché qualsiasi altro prodotto utile elencato nell’allegato tecnico della legge n. 29”.

Nella definizione di beni o fondi rientrano:

  • il contante, gli assegni, le cambiali, i crediti di denaro, i vaglia e gli altri mezzi di pagamento;
  • i depositi presso istituti di credito o finanziari o presso altri soggetti, i saldi sui conti, i crediti, le obbligazioni di qualsiasi tipo e i titoli negoziabili a livello pubblico e privato, nonché gli strumenti finanziari come definiti nella legge n. 57 del 29 marzo 2019.
  • depositi presso istituti di credito o enti finanziari o presso altri enti, saldi di conti, crediti, obbligazioni di qualsiasi tipo e titoli negoziabili a livello pubblico e privato, nonché strumenti finanziari come definiti nella Legge n. 165 di 17. depositi presso istituti di credito o finanziari o presso altre entità, saldi di conti, obbligazioni di qualsiasi tipo e titoli negoziabili, pubblici e privati, nonché strumenti finanziari;
  • interessi, dividendi o qualsiasi altro rendimento di attività o valore derivato o generato da essi;
  • prestiti, diritti di compensazione, garanzie di qualsiasi tipo, fideiussioni o altri impegni finanziari, lettere di credito, polizze di carico, atti di cessione e altri titoli rappresentativi di merci;
  • documenti che attestano un interesse in fondi o risorse economiche;
  • qualsiasi altro strumento di finanziamento all’esportazione.

Le misure sono uguali per tutti?

Le misure di congelamento dei beni o dei fondi prese dai comitati del Consiglio di Sicurezza contro i singoli paesi, e le relative esenzioni, possono essere più o meno stringenti. Per poter approfondire quale siano quelle adottate nel proprio paese, l’ONU fa riferimento al sito web dell’Unità di Informazione Finanziaria.

FONTI VERIFICATE

AIF-Le sanzioni internazionali

Dipartimento del Tesoro-Sanzioni finanziarie internazionali

Lascia un commento