Nel report di domenica firmato da Dan Ives e citato da Bloomberg in riferimento allo stato attuale delle cose per la società si parla di una “situazione di codice rosso”. Il prezzo obiettivo per i prossimi 12 mesi è stato di conseguenza tagliato da $275 a $230. Fino a non molto fa lo aveva fissato a 365$.

Le parole dell’analista Dan Ives

Le principali preoccupazioni sulla traiettoria di crescita di Tesla riguardano la domanda per la Model 3 all’interno del mercato statunitense durante i prossimi quadrimestri.

Tesla ha meno di 10 mesi per andare in pareggio di bilancio.
Una impresa titanica come “la scalata del Kilimanjaro“, sintetizza Bloomberg.
Insomma, per Ives siamo in una situazione da Codice Rosso (e non è la prima volta che Tesla si trova in questa situazione).

Con una situazione da codice rosso, Musk&Co stanno guardando alle assicurazioni, ai robotaxi, e altri progetti fantascientifici, quando la compagnia dovrebbe invece puntare chirurgicamente a sostenere la crescita della domanda per le Model 3, e a semplificare la struttura dei costi e il suo business model.

La situazione del primo trimestre

Il primo trimestre di Tesla si è chiuso in modo negativo. Gli ultimi interventi di ricapitalizzazione, come confermato da Elon Musk, danno ora 10 mesi di tempo a Tesla per raggiungere il pareggio di bilancio. I prossimi mesi, quindi, saranno fondamentali per il futuro di Tesla che dovrà continuare a crescere, rendendo nello stesso tempo sostenibile il programma di espansione internazionale.

I tagli del personale non sono bastati

Il miglioramento dell’efficienza di funzionamento dell’azienda passerà da un’analisi e da una revisione completa di tutti i costi che Tesla affronta quotidianamente. Ricordiamo che la casa californiana ha tagliato del 7% il suo personale lo scorso gennaio mentre circa un anno fa aveva già tagliato la forza lavoro del 9%.

A festeggiare sono tutti gli investitori che puntavano a posizioni short

Andamento di borsa delle azioni Tesla durante l’ultimo mese

L’ultimo mese è stato un mese triste per le azioni di Tesla ma è stato un vantaggio per gli investitori ribassisti che scommettono contro l’azienza di Elon Musk.
I profitti Mark-to-market per gli investitori short hanno superato $ 1 miliardo a maggio, rendendo il mese tra i più redditizi per gli “orsi” dal 2016 secondo i dati di S3 Analytics.

Andamento di borsa delle azioni Tesla durante gli ultimi 6 mesi

E il 2019 si sta rivelando un anno di rimbalzo per gli “orsi” di Tesla. I venditori allo scoperto hanno guadagnato $ 388 miliardi in profitti mark-to-market in meno di cinque mesi nel 2019 contro una perdita di $ 14 miliardi nel 2018.
Il valore di Tesla è diminuito del 20% dal 6 maggio, il giorno prima di chiudere un’offerta al mercato pari a $ 24 miliardi di azioni.
Secondo i dati di S3 circa il 29% delle azioni disponibili per il trading erano in prestito ai venditori allo scoperto lunedì mentre una settimana prima la quantità superava il 30%.