SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Quanto vale e qual è l’incidenza del turismo nel PIL italiano

Si è sempre data grande importanza all’interno del dibattito italiano al settore del turismo, considerandolo dal punto di vista economico “il petrolio” del nostro PIL. È davvero così? Facciamo un’analisi sulla vera incidenza del turismo nel PIL italiano.

I numeri

Quando si parla di settore turismo vengono spesso tralasciate le “difficoltà” di calcolo del peso economico, come forse è comprensibile nei grandi media che ricercano l’immediatezza della notizia. Le difficoltà riguardano l’approssimazione sulle attività connesse: ristorazione, trasporto di passeggeri e commercio al dettaglio, ad esempio, vendono non solo ai turisti: non sempre è facile distinguere.

Come si vede nella tabella, presa da “Banca d’Italia – Questioni di economia e finanza – Turismo in Italia: numeri e potenziale di sviluppo”, al di fuori di servizi alloggio, trasporto aereo e agenzie di viaggio (come è logico pensare), gli altri hanno un’incidenza media pari a circa 18% escludendo le attività nominate prima. Numeri ovviamente da considerare con le approssimazioni elencate prima.

Prima di dire a quanto ammonta l’incidenza sul PIL è doveroso fare alcune premesse.

Stima dei dati

I dati del turismo sono stimati dal World Trade and Tourism Council (WTTC) utilizzando la metodologia del Conto Satellite del Turismo. Senza scendere nei dettagli, precisando che è molto difficile (per i problemi sopra elencati) dare numeri corretti, il CST viene costruito partendo dalla distinzione dei flussi turistici in:

  • inbound (turisti che arrivano dall’estero),
  • outbound (residenti in Italia che vanno all’estero)
  • domestici (viaggiano tra posti diversi dell’Italia)

e si ottengono poi  turismo interno (turismo inbound + turismo domestico) e turismo nazionale (turismo domestico + turismo outbound).

Questi dati si ottengono con delle percentuali sulle attività dirette e connesse con il turismo stimate territorialmente per ogni regione.

Il risultato è quindi la distinzione tra:

  • Impatto diretto;
  • Effetto indiretto:le ricadute sugli altri settori della spesa sostenuta dai comparti turistici per investimenti (ad esempio la costruzione di un nuovo hotel) o per acquisti di materie prime e servizi, nonché la spesa pubblica sostenuta per la promozione delle località turistiche in ciascun paese”;
  • Indotto: “PIL attivato dalla spesa delle persone occupate direttamente o indirettamente dal comparto turistico”.

(dal documento di Banca d’Italia)

L’impatto diretto del turismo così calcolato in Italia è pari a, circa, il 5.5% del PIL e il 6,5% dell’occupazione. È solo grazie a contributo indiretto e all’indotto che si arriva ad avere come incidenza del turismo nel PIL il 13%. (Statistiche del 2018 della ricerca di Banca d’Italia sopra citata)

Uno sguardo internazionale

Senza rapportare l’Italia ad altri Paesi, però, è difficile capire se davvero l’Italia fa parte dei Paesi che “vivono di turismo” o meno.

Nel 1982 l’Italia assorbiva l’8% della spesa internazionale in turismo, seconda agli USA. Nel 2017 la quota era del 3,4%: la riduzione è dovuta principalmente all’affermazione di nuove mete turistiche: Cina e Turchia, anche se la quota di quest’ultima ha risentito della situazione geopolitica, sviando i turisti principalmente verso Cipro, Malta e Croazia (fonte: Centro Studi TCI (2016), Unicredit – Centro Studi TCI (2017) e UNWTO (2017). Alfonso-Rodriguez e Santana-Gallego (2017)

Nella “classifica” di tasso di contribuzione al Prodotto Interno Lordo del settore turistico (aggiornata al 2018) si trovano nelle prime posizioni Macau (72%), Seychelles (67%), Maldive (66%), questi sono i Paesi che davvero vivono grazie al turismo, mentre l’Italia è al 53° posto con il suo 13%.

I 2 grafici che seguono sono molto interessanti: il primo mette a confronto il dato appena riportato, dove c’è maggiore incidenza del turismo nel PIL; il secondo confronta la spesa totale fatta dai turisti a prezzi correnti in Italia e in un paese simile e vicino al nostro, la Francia. Dovrebbero gettare le basi per la differenza tra la percezione del turismo e il reale contributo all’economia del Paese.

Fonte: WorldBank
Fonte: WorldBank

Patrimonio artistico

Un’altra frase che si sente spesso dire è che l’Italia possiede metà del patrimonio artistico del mondo, alcuni arrivano addirittura a dire tre quarti. In realtà sono numeri campati in aria: non esiste una misura del “patrimonio artistico mondiale”, in quanto sarebbe complicata e fuorviante come è logico pensare.

Chi si avvicina a misurarlo è l’UNESCO, e il rapporto di World Heritage Convention (http://whc.unesco.org/en/statesparties/stat/#sp1) classifica tutti i patrimoni UNESCO per Paese di appartenenza.
Il grafico in basso (preso da pagellapolitica.it che rielabora i dati del rapporto citato sopra) mostra bene che l’Italia è certamente il primo Paese per numero di siti UNESCO (49) seguito da Cina con 45 e Spagna con 44. Il totale dei siti è pero 1021, quindi in Italia non vi è né la metà né i tre quarti: “solo” il 4,9% , che sicuramente non è poco ma molto distante da quanto viene, spesso, dichiarato.

CUE FACT CHECKING

CloseupEngineering.it si impegna contro la divulgazione di fake news, perciò l’attendibilità delle informazioni riportate su financecue.it viene preventivamente verificata tramite ricerca di altre fonti.

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here