I dirigenti della Business Roundtable, inclusi i leader di Apple e JPMorgan Chase, hanno sostenuto che le aziende devono anche investire in dipendenti, preoccuparsi dell’ambiente e offrire valore ai clienti. La responsabilità sociale dell’impresa acquista più importanza.

Cosa hanno deciso i CEO?

Quasi 200 dirigenti, tra cui i leader di Apple, Pepsi e Walmart, hanno provato lunedì a ridefinire il ruolo degli affari nella società e come le aziende vengono percepite da un pubblico sempre più scettico.
Rompendo con decenni di ortodossia aziendale di lunga data, la Business Roundtable ha rilasciato una dichiarazione sullo “scopo di una società”, sostenendo che le società non dovrebbero più concentrarsi solo sugli interessi degli azionisti. Invece, ha detto il gruppo, devono anche investire nei loro dipendenti, proteggere l’ambiente e trattare in modo equo ed etico con i loro fornitori.

La nuova visione in contrapposizione con la vecchia

L’idea reinventata di una società lascia cadere l’antica nozione che le società funzionano prima di tutto per servire i loro azionisti e massimizzare i profitti. In questo momento storico invece, investire nei dipendenti, fornire valore ai clienti, trattare eticamente con i fornitori e supportare le comunità esterne sono i principali obiettivi di business americani.

Ecco la dichiarazione completa della tavola rotonda aziendale

Dichiarazione sullo scopo di una società

Gli americani meritano un’economia che consenta a ciascuna persona di avere successo attraverso il duro lavoro e la creatività e di condurre una vita di significato e dignità. Riteniamo che il sistema del libero mercato sia il mezzo migliore per generare buoni posti di lavoro, un’economia forte e sostenibile, innovazione, un ambiente sano e opportunità economiche per tutti.

Le imprese svolgono un ruolo vitale nell’economia creando posti di lavoro, promuovendo l’innovazione e fornendo beni e servizi essenziali. Le aziende producono e vendono prodotti di consumo; fabbricazione di attrezzature e veicoli; sostenere la difesa nazionale; crescere e produrre cibo; fornire assistenza sanitaria; generare e fornire energia; e offrire servizi finanziari, di comunicazione e altri servizi alla base della crescita economica.

Mentre ciascuna delle nostre singole società ha il proprio scopo aziendale, condividiamo un impegno fondamentale nei confronti di tutti i nostri stakeholder. Ci impegniamo a:

  • Offrire valore ai nostri clienti. Promuoveremo la tradizione delle aziende americane all’avanguardia nel soddisfare o superare le aspettative dei clienti.
  • Investire nei nostri dipendenti. Questo inizia compensandoli equamente e fornendo importanti benefici. Include anche il supporto attraverso la formazione e l’educazione che aiutano a sviluppare nuove competenze per un mondo in rapido cambiamento. Promuoviamo la diversità e l’inclusione, la dignità e il rispetto.
  • Trattare in modo equo ed etico con i nostri fornitori. Siamo impegnati a servire come buoni partner per le altre società, grandi e piccole, che ci aiutano a soddisfare le nostre missioni.
  • Supportare le comunità in cui lavoriamo. Rispettiamo le persone nelle nostre comunità e proteggiamo l’ambiente adottando pratiche sostenibili in tutte le nostre attività.
  • Generare valore a lungo termine per gli azionisti, che forniscono il capitale che consente alle aziende di investire, crescere e innovare. Ci impegniamo per la trasparenza e l’impegno efficace con gli azionisti.

Ciascuno dei nostri stakeholder è essenziale. Ci impegniamo a fornire valore a tutti loro, per il futuro successo delle nostre aziende, delle nostre comunità e del nostro paese.

Il punto non colto della dichiarazione

Leggendo la dichiarazione completa si può notare una cosa, mentre quasi tutti i quotidiani hanno accolto la notizia dicendo che le grandi società non punteranno più al profitto la realtà è un’altra.
La vera notizia è che i CEO si impegneranno a perseguire la massimizzazione del valore per tutti i portatori di interessi nella società e non solo per una parte (gli azionisti) quindi l’obiettivo dei profitti continua a restare, come è normale che sia.
Senza i profitti, infatti, le aziende chiuderebbero e centinaia di famiglie avrebbero problemi (dipendenti licenziati e fornitori in crisi).

Niente contrapposizione tra profitti e responsabilità sociale

È sbagliato mettere in contrapposizione la responsabilità sociale con gli utili.
Questa è un’idea populista e anticapitalista che proviene da chi non ha minimamente idea di come funzioni l’economia. La vera sfida positiva sarà quella di creare profitti generando il massimo valore per la società ed è bene sottolineare che gli obiettivi NON SONO IN CONTRAPPOSIZIONE ma sono, e dovranno essere ancora di più, coesistenti.