La WTO (World Trade Organization), in italiano OMC (organizzazione mondiale del commercio) è un’organizzazione internazionale, che ha sede a Ginevra, dotata di organi ai quali gli Stati membri hanno conferito precisi poteri decisionali. È la più grande organizzazione economica internazionale del mondo.

Il predecessore della WTO

Logo World Trade Organization

Il predecessore della WTP era l’Accordo generale sulle tariffe doganali e il commercio (GATT), è stato istituito nel 1947 dopo la seconda guerra mondiale sulla scia di altre nuove istituzioni multilaterali dedicate alla cooperazione economica internazionale – come la Banca mondiale (fondata nel 1944 ) e il Fondo monetario internazionale (fondato nel 1944 anch’esso nel 1944).

La fondazione della WTO

La WTO è nata il 1 ° gennaio 1995 con l’accordo di Marrakesh (chiamato anche GATT 1994), firmato da 124 nazioni il 15 aprile 1994, in sostituzione dell’Accordo generale sulle tariffe doganali e il commercio (GATT 1947), iniziato nel 1948.

Funzioni

Tra le varie funzioni della WTO, questi sono considerati dagli analisti come i più importanti:

  • Sorveglia l’attuazione, l’amministrazione e il funzionamento degli accordi coperti.
  • Fornisce un forum per i negoziati e per risolvere le controversie.

Inoltre, è dovere della WTO rivedere e propagare le politiche commerciali nazionali e garantire la coerenza e la trasparenza delle politiche commerciali attraverso la sorveglianza nel processo decisionale economico globale.
Un’altra priorità della WTO è l’assistenza ai paesi in via di sviluppo, meno sviluppati e in fase di transizione per adeguarsi alle regole e alle discipline della WTO attraverso la cooperazione e la formazione tecnica e nello specifico:

  • facilita l’attuazione, l’amministrazione e il funzionamento nonché gli obiettivi del presente accordo e degli accordi commerciali multilaterali e fornisce inoltre il quadro per l’attuazione, l’amministrazione e il funzionamento degli accordi commerciali multilaterali;
  • costituisce il forum per i negoziati tra i suoi membri in merito alle loro relazioni commerciali multilaterali in materie disciplinate dall’accordo negli allegati del presente accordo;
  • amministra l’intesa sulle norme e procedure che disciplinano la risoluzione delle controversie;
  • amministra il meccanismo di revisione della politica commerciale;
  • coopera, a seconda dei casi, con il Fondo monetario internazionale (FMI) e con la Banca internazionale per la ricostruzione e lo sviluppo (IBRD) e le sue agenzie affiliate.
  • Principi del sistema commercialeLa WTO stabilisce un quadro per le politiche commerciali ma non definisce né specifica i risultati, in altre parole, si preoccupa di stabilire le regole dei giochi di politica commerciale ma non ne garantisce il risultato.

    Cinque principi sono di particolare importanza per comprendere sia il GATT1947 che la WTO

  • Non discriminazione.

    Ha due componenti principali: la regola della nazione più favorita (NPF) e la politica nazionale di trattamento. Entrambe sono incorporate nelle principali regole della WTO su beni, servizi e proprietà intellettuale, ma il loro ambito preciso e la loro natura differiscono in queste aree. La regola NPF richiede che un membro della WTO applichi le stesse condizioni a tutti gli scambi con altri membri della WTO, ossia che un membro della WTO debba concedere le condizioni più favorevoli in base alle quali consente il commercio di un determinato tipo di prodotto a tutti gli altri membri della WTO.
    Trattandosi di un trattamento nazionale significa che le merci importate dovrebbero essere trattate non meno favorevolmente dei prodotti nazionali (almeno dopo che le merci straniere sono entrate nel mercato ) ed è stato introdotto per affrontare gli ostacoli non tariffari al commercio (ad esempio norme tecniche, norme di sicurezza e discriminazioni contro le merci importate).

  • Reciprocità.

    Riflette sia il desiderio di limitare l’ambito del free-riding che potrebbe sorgere a causa della regola NPF, sia il desiderio di ottenere un migliore accesso ai mercati esteri. Un punto correlato è che per una nazione sia necessario che il guadagno derivante da ciò sia maggiore del guadagno disponibile dalla liberalizzazione unilaterale; le concessioni reciproche intendono garantire che tali guadagni si concretizzino.

  • Impegni vincolanti e esecutivi.

    Gli impegni tariffari assunti dai membri della WTO in un negoziato commerciale multilaterale e in occasione dell’adesione sono elencati in un elenco di concessioni. Questi programmi stabiliscono “vincoli al soffitto“: un paese può cambiare i suoi vincoli, ma solo dopo aver negoziato con i suoi partner commerciali, il che potrebbe significare compensarli per la perdita di commercio. Se non si ottiene la soddisfazione, il paese denunziante può ricorrere alle procedure di risoluzione delle controversie della WTO.

  • Trasparenza.

    I membri della WTO sono tenuti a pubblicare i loro regolamenti commerciali, a mantenere istituzioni che consentano la revisione delle decisioni amministrative che incidono sugli scambi, a rispondere alle richieste di informazioni da parte di altri membri e a notificare le modifiche delle politiche commerciali alla WTO.
    Questi requisiti di trasparenza interna sono integrati e facilitati da relazioni periodiche specifiche per paese (analisi delle politiche commerciali) tramite il meccanismo di revisione delle politiche commerciali (TPRM). Il sistema della WTO cerca anche di migliorare la prevedibilità e la stabilità, scoraggiando l’uso di contingenti e altre misure utilizzate per fissare i limiti delle quantità di importazioni.

  • Valori di sicurezza

    In determinate circostanze, i governi sono in grado di limitare il commercio. Gli accordi della WTO consentono ai membri di adottare misure per proteggere non solo l’ambiente, ma anche la salute pubblica, la salute degli animali e la salute delle piante.

Il Consiglio generale ha i seguenti organi sussidiari che sovrintendono i comitati in diversi settori:

Consiglio per il commercio di merci

Ci sono 11 comitati sotto la giurisdizione del Consiglio dei Beni ciascuno con un compito specifico. Tutti i membri della WTO partecipano alle commissioni. L’Organismo di Monitoraggio dei Tessuti è separato dagli altri comitati ma è ancora sotto la giurisdizione del Consiglio dei Beni.

Consiglio per gli scambi di servizi

Il Consiglio per gli scambi di servizi opera sotto la guida del Consiglio generale ed è responsabile della supervisione del funzionamento dell’accordo generale sugli scambi di servizi (GATS). È aperto a tutti i membri della WTO e può creare organi sussidiari su richiesta.

Comitato per i negoziati commerciali

La commissione per i negoziati commerciali (TNC) è la commissione che si occupa degli attuali negoziati di negoziato.

Il Consiglio di servizio ha tre organi sussidiari: servizi finanziari, regolamenti interni, norme GATS e impegni specifici
Ci sono commissioni su quanto segue: commercio e ambiente; Commercio e sviluppo (sottocommissione per i paesi meno sviluppati); Accordi commerciali regionali, Restrizioni sulla bilancia dei pagamenti, Budget, Finanza e Amministrazione.