In Economia con il termine costo di transazione si fa riferimento a tutti quei costi legati all’organizzazione di un’attività, che si dividono, a loro volta, tra costi ex ante (prima della transazione) e costi ex post (dopo la transazione).
I costi di transazione sono i costi che devono essere sostenuti per realizzare uno scambio, un contratto o una transazione economica in genere; rappresentano i costi d’uso del mercato.

Origine del termine “costo di transazione”

Comunemente il termine “costo di transazione” è associato a Oliver E. Williamson in seguito all’uscita del libro “Transaction Cost Economics” mentre secondo altri studiosi l’origine del termine è da attribuire a Ronald H. Coase con il paper “The Nature of the Firm” del 1937.

Ronald Harry Coase è stato un economista inglese naturalizzato statunitense, vincitore del premio Nobel per l’economia nel 1991.


Tuttavia l‘idea che le transazioni costituiscano la base di un pensiero economico fu introdotta dall’economista John R. Commons.

John Rogers Commons è stato un economista statunitense deceduto nel 1945.

Nel 1931, nel volume 21 della rivista economica americana chiamata “Institutional Economics“, ha affermato:

Queste singole azioni sono realmente trans-azioni e non hanno niente a che fare con il comportamento individuale o lo “scambio” di merci.
Il passaggio è un cambiamento nell’unità finale di indagine economica. Gli economisti classici ed edonisti, con le loro propaggini comuniste e anarchiche, fondarono le loro teorie sulla relazione tra uomo e natura, ma l’istituzionalismo è una relazione tra uomo e uomo. La più piccola unità degli economisti classici era una merce prodotta dal lavoro. La più piccola unità degli economisti edonisti era la stessa o una simile merce goduta dai consumatori finali. Uno era il lato oggettivo, l’altro il lato soggettivo, della stessa relazione tra l’individuo e le forze della natura. Il risultato, in entrambi i casi, era la metafora materialistica di un equilibrio automatico, analogo alle onde dell’oceano, ma personificato. Ma la più piccola unità degli economisti istituzionali è un’unità di attività – una transazione, con i suoi partecipanti.
Le transazioni intervengono tra il lavoro degli economisti classici e i piaceri degli economisti edonisti, semplicemente perché è la società che controlla l’accesso alle forze della natura, e le transazioni non sono lo “scambio di merci”, ma l’alienazione e l’acquisizione, tra individui, dei diritti di proprietà e della libertà creati dalla società, che devono quindi essere negoziati tra le parti interessate prima che il lavoro possa produrre, o che i consumatori possano consumare, o che le merci siano scambiate fisicamente .


Gli sviluppi di Williamson

Oliver Eaton Williamson è un economista statunitense, famoso in particolare per i suoi studi sui costi di transazione. Nel 2009 è stato insignito del Premio Nobel per l’Economia.

Secondo Williamson, i fattori determinanti dei costi di transazione sono:

  • razionalità limitata: non è possibile prevedere tutti i possibili casi che si possono presentare e il loro esito;
  • asimmetria informativa: i contraenti non posseggono le stesse informazioni;
  • opportunismo (azzardo morale): i contraenti sono inclini a perseguire il proprio interesse sopra ogni cosa (anche a danno della controparte).
  • investimenti specifici.

Esempi

Un fornitore può fare offerte in un ambiente molto competitivo con un cliente per costruire un widget . Tuttavia, per realizzare il widget, al fornitore sarà richiesto di costruire macchinari specializzati che non possano essere facilmente ridistribuiti per realizzare altri prodotti. Una volta aggiudicato il contratto al fornitore, la relazione tra cliente e fornitore passa da un ambiente competitivo a un rapporto monopolio / monopsonio , noto come monopolio bilaterale . Ciò significa che il cliente ha una maggiore influenza sul fornitore, ad esempio quando si verificano riduzioni dei prezzi. Per evitare questi costi potenziali, gli “ostaggi” possono essere scambiati per evitare questo evento. Questi ostaggi potrebbero includere la proprietà parziale nella fabbrica di widget; la compartecipazione alle entrate potrebbe essere un altro modo.
Le compagnie automobilistiche e i loro fornitori spesso rientrano in questa categoria, con le case automobilistiche che costringono le riduzioni dei prezzi ai loro fornitori.
I fornitori della difesa e le forze armate sembrano avere il problema opposto, con il superamento dei costi che si verificano abbastanza spesso.

Teoria dei giochi

Nella teoria dei giochi, i costi di transazione sono stati studiati da Anderlini e Felli (2006).
Nel paper gli autori considerano un modello con due parti che insieme possono generare un surplus. Entrambe le parti sono necessarie per creare l’eccedenza. Tuttavia, prima che le parti possano negoziare sulla divisione dell’eccedenza, ciascuna parte deve sostenere costi di transazione. Anderlini e Felli ritengono che i costi di transazione causino un grave problema in presenza di una discrepanza tra i poteri contrattuali delle parti e l’entità dei costi di transazione. In particolare, se una parte ha grandi costi di transazione ma nelle trattative future può cogliere solo una piccola parte del surplus (cioè, il suo potere contrattuale è piccolo), allora questa parte non incorrerà nei costi di transazione e quindi il surplus totale sarà perso.
È stato dimostrato che la presenza di costi di transazione modellati da Anderlini e Felli può ribaltare le intuizioni centrali della teoria di Grossman-Hart-Moore dell’azienda.