Il CFD (CFD è l’acronimo dell’inglese Contract for Difference facilmente traducibile in Contratto per Differenza) è uno strumento derivato e può essere definito come un contratto tra due parti, tipicamente descritti come “acquirente” e “venditore”, che stabilisce che il venditore pagherà all’acquirente la differenza tra il valore corrente di un bene e il suo valore al momento della vendita (se la differenza è negativa, allora l’acquirente pagherà al venditore).
Gli strumenti sottostanti coprono un ampio spettro e i trader possono scegliere tra cambi valutari, azioni, indici o materie prime.

Invenzione

I CFD sono stati originariamente sviluppati nei primi anni ’90 a Londra come un tipo di scambio azionario negoziato a margine. L’invenzione del CFD è stata ampiamente riconosciuta a Brian Keelan e Jon Wood.
Inizialmente sono stati utilizzati da hedge fund e operatori istituzionali per coprire in modo economicamente efficace la loro esposizione alle azioni della Borsa di Londra, principalmente perché richiedevano solo un piccolo margine della somma totale dell’investimento.
Inoltre, era un modo efficace per evitare di pagare l’imposta di bollo nel Regno Unito dal momento che nessuna azione passava fisicamente di mano (infatti i CFD trasferiscono degli strumenti sintetici che replicano il sottostante e non il sottostante stesso come avviene con le opzioni).

CFD: strumenti con margine e leva finanziaria

I CFD sono un prodotto con leva finanziaria, il che significa che è sufficiente depositare una piccola percentuale del valore totale della transazione per aprire una posizione. Questo è chiamato “trading on margin” (o requisito di margine). Mentre il trading sul margine consente di ingrandire i tuoi ritorni, le tue perdite saranno anche ingrandite in quanto sono basate sul valore completo della posizione CFD.
Ad esempio, con una leva 25:1 (hai bisogno di un margine pari al 4% del valore nozionale).

Quali sono i costi del trading con i CFD?

Spread denaro/lettera : quando si fa trading con i CFD è necessario pagare lo spread , che è la differenza tra il prezzo di acquisto e quello di vendita. Si entra in una transazione di compravendita utilizzando il prezzo di acquisto quotato e si esce utilizzando il prezzo di vendita. Più stretto è lo spread, meno il prezzo deve essere spostato a tuo favore prima di iniziare a realizzare un profitto, o se il prezzo si muove contro di te, una perdita.

Costi di partecipazione : al termine di ciascun giorno di negoziazione (alle 17:00 ora di New York), qualsiasi posizione aperta nel proprio account può essere soggetta a un addebito denominato ” costo di mantenimento “.
Il costo di partecipazione può essere positivo o negativo a seconda della direzione della posizione e del tasso di partecipazione applicabile.

Commissione (applicabile solo per le azioni) : devi anche pagare una commissione separata quando scambi i CFD su azioni. La Commissione dipende dalla piattaforma o dall’intermediario a cui ci si rivolge.
In genere oscillano tra lo 0,10% e lo 0,60%.
 

Esempio di commercio CFD

Acquistare una quota della società in un mercato in crescita (posizione lunga)

In questo esempio, la società ABC è scambiata a 98/100 (dove 98 euro è il prezzo di vendita e 100 euro è il prezzo di acquisto). Lo spread è 2 .

Pensi che il prezzo della compagnia aumenterà, quindi decidi di aprire una posizione lunga acquistando 10.000 CFD o “unità” a 100 euro . Una commissione separata di 10 euro verrebbe applicata al momento dell’apertura della transazione, poiché lo 0,10% della dimensione commerciale è di 10 (10.000 unità x 100 p = € 10.000 x 0,10%).

La società ABC ha un margine del 3% (leva 33,33:1) , il che significa che devi depositare solo il 3% del valore totale della transazione come margine di posizione . Pertanto, in questo esempio il tuo margine di posizione sarà di € 300 (10.000 unità x 100 p = € 10.000 x 3%) .

Ricorda che se il prezzo si muove contro di te, è possibile perdere più del tuo margine di € 300 , poiché le perdite si baseranno sul valore totale della posizione.

Risultato A: positivo

Supponiamo che la tua previsione sia corretta e che il prezzo aumenti nella settimana successiva a 110/112 . Decidi di chiudere la tua compravendita vendendo a 110 euro (l’attuale prezzo di vendita). Ricorda che la commissione viene addebitata anche quando esci da una transazione, quindi ti verrà addebitato un costo di € 11 quando chiudi la transazione , poiché lo 0,10% della dimensione commerciale è di € 11 (10,000 unità x 110p = € 11,000 x 0,10%) .

Il prezzo si è spostato di 10 euro a tuo favore, da 100 euro (il prezzo di acquisto iniziale o prezzo di apertura) a 110 euro (l’attuale prezzo di vendita o prezzo di chiusura). Moltiplicate questo per il numero di unità che avete acquistato ( 10.000 ) per calcolare il vostro profitto di € 1000 , quindi sottrarre la commissione totale ( € 10 all’entrata + € 11 all’uscita = € 21 ) che si traduce in un profitto totale di € 979 .

Risultato B: negativo

Sfortunatamente, la tua previsione è sbagliata e il prezzo di ABC scende a 93/95 . Pensi che il prezzo continui a diminuire, quindi, per limitare le tue perdite, decidi di vendere a 93 euro (l’attuale prezzo di vendita) per chiudere il trade. Poiché la commissione viene addebitata anche quando si esce da una transazione, si applica una commissione di € 9,30 , in quanto lo 0,10% della dimensione commerciale è di € 9,30 (10.000 unità x 93 p = € 9,300 x 0,10%).

Il prezzo si è spostato di 7 euro contro di te, da 100 euro (il prezzo di acquisto iniziale) a 93 euro (l’attuale prezzo di vendita). Moltiplicate questo per il numero di unità che avete acquistato ( 10.000 ) per calcolare la vostra perdita di € 700 , più la commissione totale ( € 10 all’entrata + € 9.30 all’uscita = € 19.30 ) che si traduce in una perdita totale di € 719.30 .

Restrizioni normative europee

Nel 2016 l’Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati (ESMA) ha emesso un avviso sulla vendita di prodotti speculativi agli investitori al dettaglio che includevano la vendita di CFD.
Ciò è avvenuto dopo aver osservato un aumento della commercializzazione di questi prodotti contemporaneamente a un aumento del numero di reclami da parte di investitori al dettaglio che hanno subito perdite significative. In Europa, qualsiasi fornitore con sede in qualsiasi paese membro può offrire i prodotti a tutti i paesi membri sotto la MiFID e molti dei regolatori finanziari europei hanno risposto con nuove regole sui CFD dopo l’avvertimento. La maggior parte dei fornitori ha sede a Cipro o nel Regno Unito e i regolatori finanziari di entrambi i paesi sono stati i primi a rispondere. CySEC, l’ente di regolamentazione finanziaria di Cipro, dove molte delle aziende sono registrate, ha aumentato la regolamentazione sui CFD limitando la leva massima a 50:1 e vietando il pagamento di bonus come incentivi alle vendite.
A ciò ha fatto seguito la Financial Conduct Authority (FCA) del Regno Unito che ha emesso una proposta per restrizioni analoghe il 6 dicembre 2016.
Il regolatore tedesco BaFin ha adottato un approccio diverso e in risposta al messaggio di avvertimento ESMA ha vietato pagamenti aggiuntivi quando un cliente ha subito perdite.
Mentre il regolatore francese Autorité des marchés financiers ha deciso di vietare tutta la pubblicità dei CFD.
A marzo l’autorità di regolamentazione finanziaria irlandese ha seguito l’esempio e ha presentato una proposta per vietare i CFD o implementare limitazioni alla leva finanziaria.

Rischi sui CFD

Rischio di mercato

Il rischio principale è il rischio di mercato, in quanto il contratto per lo scambio di differenze è concepito per pagare la differenza tra il prezzo di apertura e il prezzo di chiusura dell’attività sottostante. I CFD sono scambiati a margine e l’effetto leva di questo aumenta il rischio in modo significativo (puoi arrivare a perdere una cifra significativamente superiore rispetto all’investimento).
I tassi di margine sono in genere piccoli e quindi una piccola quantità di denaro può essere utilizzata per mantenere una posizione importante.
Uno dei modi per mitigare questo rischio è l’uso di ordini stop loss.
Gli ordini stop loss (blocca perdite) sono ordini condizionati che indicano  chiudere posizioni al raggiungimento di prezzi specifici. Il caso inverso è lo stop- order.

Rischio di liquidazione

Se i prezzi si muovono rispetto a una posizione CFD aperta, è necessario un ulteriore margine di variazione per mantenere il livello di margine. I fornitori di CFD possono chiedere alla parte di depositare somme aggiuntive per coprire questa differenza, in quella che è nota come richiesta di margine. Nei mercati in rapida evoluzione, le richieste di margine possono essere a breve scadenza. Se i fondi non vengono forniti in tempo, il fornitore di CFD può chiudere / liquidare le posizioni in perdita per le quali l’altra parte è responsabile.

Rischio di controparte

Un’altra dimensione del rischio di CFD è il rischio di controparte, un fattore nella maggior parte dei derivati ​​negoziati over-the-counter (OTC). Il rischio di controparte è associato alla stabilità finanziaria o alla solvibilità della controparte di un contratto. Nel contesto dei contratti CFD, se la controparte di un contratto non riesce a soddisfare i propri obblighi finanziari, il CFD può avere poco o nessun valore a prescindere dallo strumento sottostante. Ciò significa che un trader CFD potrebbe potenzialmente incorrere in gravi perdite, anche se lo strumento sottostante si muove nella direzione desiderata.
Si ritiene generalmente che i contratti negoziati in borsa scambiati attraverso una stanza di compensazione (clearing house) abbiano meno rischi di controparte. In definitiva, il grado di rischio di controparte è definito dal rischio di credito della controparte, inclusa la stanza di compensazione, ove applicabile.