Un prestatore di ultima istanza è il prestatore (fornitore di liquidità), che dall’inizio del XX secolo è stato solitamente una banca centrale, che fornisce liquidità a un istituto finanziario o al mercato finanziario in generale quando manca. L’obiettivo è quello di prevenire il panico finanziario e le bancarotte che si diffondono da una banca all’altra da una mancanza di liquidità.

Esistono diverse definizioni del prestatore di ultima istanza in letteratura. Uno globale è il seguente: “la fornitura discrezionale di liquidità a un istituto finanziario (o al mercato nel suo complesso) dalla banca centrale in risposta a uno shock negativo che causa un aumento anormale della domanda di liquidità che non può essere soddisfatta da un fonte alternativa “.

Teoria classica

Alexander Hamilton

Sebbene Alexander Hamilton, nel 1792, fu il primo politico a spiegare e attuare un istituto di credito di ultima istanza, la teoria classica del prestatore di ultima istanza fu per lo più sviluppata da due inglesi nel diciannovesimo secolo: Henry Thornton e Walter Bagehot .Sebbene alcuni dettagli restino controversi, la loro teoria generale è ancora ampiamente riconosciuta nella ricerca moderna e fornisce un punto di riferimento adeguato. Thornton e Bagehot erano principalmente interessati alla riduzione del capitale monetario. Ciò perché temevano che la tendenza deflazionistica causata da una riduzione dello stock di moneta potesse ridurre il livello dell’attività economica. Se i prezzi non si adeguassero rapidamente, porterebbero alla disoccupazione e alla riduzione della produzione. Mantenendo costante la massa monetaria, il potere d’acquisto rimane stabile durante gli shock. Quando c’è un panico indotto da shock, accadono due cose:

  • I depositanti temono che non saranno in grado di convertire i loro depositi in denaro ad alta potenza: nella Gran Bretagna del 19 ° secolo, ciò significava banconote in oro o Bank of England. Aumentano la quantità di denaro che detengono rispetto ai depositi.
  • Le banche, invece, temono di diventare illiquide, aumentano le loro riserve. Presi insieme, riduce il moltiplicatore di denaro che, moltiplicato per la quantità di denaro base, dà lo stock di denaro.

Le basi di Thornton

Thornton pubblicò per la prima volta “An Enquiry into the Nature and Effects of the Paper Credit of Great Britain” nel 1802. Il suo punto di partenza fu che solo una banca centrale poteva svolgere il compito di prestatore di ultima istanza perché detiene il monopolio nell’emissione di banconote. Diversamente da qualsiasi altra banca, la banca centrale ha la responsabilità nei confronti del pubblico di mantenere costante lo stock di moneta, evitando così esternalità negative di instabilità monetari.

Il contributo di Bagehot

Bagehot è stato il secondo importante contributo alla teoria classica. Nel suo libro Lombard Street (1873), è in gran parte d’accordo con Thornton senza mai menzionarlo, ma sviluppa anche alcuni nuovi punti ed enfasi. Bagehot sostiene: “Prestiti molto elevati a tassi molto alti sono il miglior rimedio per la peggiore malattia del mercato monetario quando si aggiunge uno scarico straniero a una fognatura interna.”
I suoi punti principali possono essere riassunti dalla sua famosa regola: prestare “più liberamente … ai mercanti, ai banchieri minori, a ‘questo e quell’uomo’, ogni volta che la sicurezza è buona”.

Riassunto della teoria classica

Thomas M. Humphrey, che ha svolto ricerche approfondite sulle opere di Thornton e Bagehot, riassume le loro principali proposte come segue:

  • proteggere lo stock di denaro invece di salvare singole istituzioni;
  • solo le istituzioni solventi di salvataggio;
  • lasciare insolventi le istituzioni insolventi;
  • addebitare i tassi di penalità;
  • richiede una buona garanzia;
  • annunciare le condizioni prima di una crisi in modo che il mercato sappia esattamente cosa aspettarsi.

Molti punti rimangono controversi oggi, ma sembra essere accettato che la Banca d’Inghilterra abbia seguito rigorosamente queste regole durante l’ultimo terzo del XIX secolo.

Corsa agli sportelli e rischio di contagio

La maggior parte dei paesi industrializzati ha avuto un prestatore di ultima istanza per molti anni. Perché è fatto può essere spiegato da diversi modelli. I vari modelli propongono che una banca o un panico bancario possano insorgere in qualsiasi sistema bancario a riserva frazionaria e che il prestatore di servizi di ultima istanza sia un modo per prevenire il panico. Il modello Diamond and Dybvig di “corsa agli sportelli” ha due equilibri di Nash: uno in cui il benessere è ottimale e uno in cui c’è una corsa alla banca. L’equilibrio della corsa in banca è una profezia “infame”: se gli individui si aspettano che una corsa avvenga, è razionale che ritirino i loro depositi in anticipo: prima che ne abbiano effettivamente bisogno. Questo fa perdere loro un po’ di interesse, ma è meglio che perdere tutto.
Nel modello Diamond-Dybvig, l’introduzione di un prestatore di ultima istanza può impedire che si verifichino eventi bancari in modo che permanga solo l’equilibrio ottimale. Questo perché gli individui non temono più una carenza di liquidità e quindi non hanno alcun incentivo a ritirare anticipatamente i propri risparmi. Il prestatore di ultima istanza non entrerà mai in azione perché la semplice promessa è sufficiente a fornire la sicurezza necessaria per prevenire il panico.

Successivamente, il modello è stato esteso per consentire il contagio

Allen e Gale hanno introdotto un mercato interbancario nel modello Diamond-Dybvig per studiare il contagio dei panici bancari da una regione all’altra. Un mercato interbancario è creato dalle banche perché le assicura contro la mancanza di liquidità presso determinate banche, purché sia ​​sufficiente l’ammontare complessivo della liquidità. La liquidità è allocata dal mercato interbancario, in modo che le banche con eccesso di liquidità possano fornirla a banche prive di liquidità. Finché la domanda totale di liquidità non eccederà l’offerta, il mercato interbancario assegnerà la liquidità in modo efficiente e le banche andranno meglio. Tuttavia, se la domanda supera l’offerta, può avere conseguenze disastrose. Le riserve incrociate interregionali di depositi non possono aumentare la quantità totale di liquidità. Pertanto, le attività a lungo termine devono essere liquidate, il che causa una perdita. Il grado di contagio dipende dall’interconnessione delle banche in diverse regioni. In un mercato incompleto (le banche non scambiano depositi con tutte le altre banche), un alto grado di interconnessione causa contagio. Il contagio non è causato se il mercato è completo (le banche hanno scambiato depositi con tutte le altre banche) o se le banche sono poco collegate. Nel modello di Allen e Gale, il ruolo della banca centrale è quello di completare i mercati per prevenire il contagio.

Il modello di Freixas, è simile a quello di Allen e Gale, eccetto che nel modello di Freixas gli individui affrontano l’incertezza su dove avranno bisogno del loro denaro. C’è una frazione di individui (viaggiatori) che hanno bisogno di soldi in una regione diversa da casa. Senza un sistema di pagamento, un individuo deve ritirare anticipatamente il suo deposito (quando scopre che avrà bisogno dei soldi in un posto diverso nel periodo successivo) e semplicemente prendere i soldi. Questo è inefficiente a causa del mancato pagamento degli interessi. Le banche pertanto stabiliscono linee di credito per consentire alle persone di prelevare i loro depositi in diverse regioni. Nel buon equilibrio, il benessere è aumentato proprio come nel modello Diamond-Dybvig, ma anche in questo caso vi è un equilibrio di “corsa in banca”. Può sorgere se alcuni individui si aspettano che troppi altri vogliano prelevare denaro nella stessa regione nel prossimo periodo. È quindi razionale ritirare anticipatamente i soldi invece di non riceverli nel prossimo periodo. accadere anche se tutte le banche sono solvibili.

Controversie

Rischio morale (Moral Hazard)

Il rischio morale è stato una preoccupazione esplicita nel contesto del prestatore di ultima istanza sin dai tempi di Thornton. Salvare le banche illiquide dalla liquidazione consentendo loro di prendere a prestito da una banca centrale può causare un’eccessiva assunzione di rischi da parte sia dei banchieri che degli investitori. Pertanto, il prestatore di ultima istanza può alleviare il panico corrente in cambio di aumentare la probabilità di panici futuri da assunzione di rischio indotta da azzardo morale.
Questo è esattamente ciò che la relazione della Commissione consultiva dell’International Financial Institution contesta all’FMI quando presta alle economie emergenti: “Prevenendo o riducendo le perdite da parte dei creditori internazionali, l’FMI aveva implicitamente segnalato che, se le banche locali e altre istituzioni fossero state in possesso di ingenti passività estere e di debito privato garantito dal governo, l’FMI avrebbe fornito la valuta estera necessaria per onorare le garanzie. ” Gli investitori sono protetti contro il rovescio della medaglia dei loro investimenti e, allo stesso tempo, ricevono tassi di interesse più elevati per compensare rischio. Ciò incoraggia l’assunzione di rischi e riduce la necessaria diversificazione e ha portato la Commissione a concludere che: “L’importanza del problema dell’azzardo morale non può essere sopravvalutato”.
Tuttavia, non avere un prestatore di ultima istanza per timore dell’azzardo morale può avere conseguenze peggiori del rischio morale stesso. Di conseguenza, molti paesi hanno una banca centrale che funge da prestatore di ultima istanza. Questi paesi cercano quindi di prevenire l’azzardo morale con altri mezzi, come suggerito da Stern: “regolamentazione ufficiale, incoraggiamento per il monitoraggio del settore privato e autoregolamentazione oltre all’ imposizione di costi a coloro che commettono errori, inclusa l’applicazione delle procedure di fallimento quando appropriato.” Alcuni autori suggeriscono anche che l’azzardo morale non dovrebbe essere una preoccupazione del prestatore di ultima istanza. Il compito di prevenirlo dovrebbe essere affidato a un supervisore o ad un regolatore che limiti la quantità di rischio che può essere assunto.

Macro o micro responsabilità

Se il prestatore di ultima istanza abbia o meno la responsabilità di salvare singole banche è stato un argomento molto controverso. Il prestatore di ultima istanza fornisce liquidità al mercato nel suo insieme (attraverso operazioni di mercato aperto) o dovrebbe (anche) concedere prestiti a singole banche?

Ci sono due punti di vista principali su questa domanda, il denaro e il punto di vista bancario: la visione del denaro, come sostenuto, ad esempio, da Goodfriend, King e Capie suggerisce che il prestatore di ultima istanza dovrebbe fornire liquidità al mercato unicamente attraverso operazioni di mercato aperto perché è sufficiente limitare il panico. Ciò che chiamano “politica bancaria” (il prestito di sconti) potrebbe persino essere dannoso a causa del rischio morale. La visione bancaria rileva che in realtà il mercato non assegna la liquidità in modo efficiente in tempi di crisi. La liquidità fornita attraverso le operazioni di mercato aperto non è distribuita in modo efficiente tra le banche nel mercato interbancario e vi è un caso di prestito di sconti. In un mercato interbancario ben funzionante possono prendere in prestito solo le banche solvibili. Tuttavia, se il mercato non funziona, anche le banche solvibili potrebbero non essere in grado di prendere a prestito, molto probabilmente a causa di informazioni asimmetriche.
Un modello sviluppato da Flannery suggerisce che il mercato privato dei prestiti interbancari può fallire se le banche affrontano l’incertezza circa il rischio connesso ai prestiti alle altre banche. In tempi di crisi con meno certezza, tuttavia, i prestiti con sconti sono il modo meno costoso per risolvere il problema dell’incertezza.
Rochet e Vives estendono la tradizionale visione bancaria per fornire più prove del fatto che i mercati interbancari effettivamente non funzionano come suggerito da Goodfriend e King. “Il contributo principale del nostro lavoro fino ad ora è stato quello di mostrare la possibilità teorica di una banca solvibile come illiquida, a causa di un fallimento del coordinamento sul mercato interbancario.”

Penalità  e requisiti collaterali

Il ragionamento di Bagehot riguardo all’addebito dei tassi di penalità (ossia tassi più elevati di quelli disponibili sul mercato) era il seguente:

  • avrebbe davvero fatto in modo che il prestatore di ultima istanza fosse l’ultima risorsa
  • avrebbe incoraggiato la pronta restituzione del debito .

Alcuni autori suggeriscono che l’addebito di una tariffa più elevata non ha lo scopo del prestatore di ultima istanza, poiché un tasso più elevato potrebbe renderlo troppo costoso per le banche. Flannery e altri citano che negli ultimi anni la FED non ha né chiesto buoni titoli collaterali né addebiti al di sopra del mercato.

Alternative private

Prima della fondazione del Federal Reserve System americano come prestatore di ultima istanza, il suo ruolo era stato assunto dalle banche private. Sia il sistema di clearing house di New York che la Suffolk Bank of Boston hanno fornito liquidità alle banche aderenti durante le crisi. In assenza di una soluzione pubblica si era sviluppata un’alternativa privata. I sostenitori del punto di vista del free banking suggeriscono che tali esempi dimostrano che non è necessario alcun intervento governativo.
La Suffolk Bank fungeva da prestatore di ultima istanza durante il panico del 1837-39. Rolnick, Smith e Weber sostengono che la fornitura da parte della Suffolk Bank di compensazione delle note e prestatore di servizi di ultima istanza (tramite il Suffolk Banking System) diminuì gli effetti del Panico del 1837 nel New England rispetto al resto del paese, dove nessuna banca ha fornito tali servizi.
Durante il panico del 1857, un comitato politico della New York Clearing House Association (NYCHA) permise l’emissione dei cosiddetti certificati di prestito di compensazione. Mentre la loro legalità era controversa all’epoca, l’idea di fornire liquidità aggiuntiva alla fine portò a una fornitura pubblica di questo servizio che doveva essere eseguita dalla banca centrale, fondata nel 1913.