SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Versamenti fiscali novembre 2020: tra rinvii e scadenze

Cerchiamo di districarci tra la giungla dei versamenti da effettuarsi nel mese di novembre anche alla luce delle proroghe stabilite dal Decreto Ristori bis e Decreto Ristori ter, per poter dare un po’ di ossigeno a coloro i quali stanno subendo di più gli effetti di questa crisi economica: le partite IVA.

Il 30 novembre scade il termine per il versamento per il secondo acconto Irpef, Irap, Ires ed imposte collegate. Prima attraverso il Decreto Agosto e poi con il Decreto Ristori bis, il legislatore ha previsto, per alcune categorie di contribuenti, il rinvio della scadenza al 30 aprile 2021.

Art.98 del Decreto Agosto

L’art. 98 del Decreto Agosto, stabilisce che possono usufruire della sospensione dei versamenti di cui al precedente paragrafo, i soggetti che:

  • esercitano attività economiche soggette ad ISA che abbiano un ammontare di ricavi e compensi non superiore a 5.164.569 euro;
  • abbiano subito una riduzione di fatturato pari al 33% nel primo semestre dell’anno 2020 rispetto al primo semestre del 2019.

Art.6 del Decreto Ristori bis

L’art.6 del Decreto prevede che possano beneficiare della proroga al 30 aprile 2021, indipendentemente dal calo del fatturato, tutte quelle attività con codici Ateco previsti negli allegati al Decreto che abbiano però, il proprio domicilio fiscale nelle regioni rientranti nella “zona rossa”. La proroga inoltre, è prevista anche per le sole attività di ristorazione, a prescindere dalla diminuzione del fatturato che abbiano il proprio domicilio fiscale nelle regioni arancioni. Di fatto quindi, viene ampliata la platea dei contribuenti prevista dall’art.98 citato precedentemente.

Art.7 Decreto Ristori bis

Stando all’art.7 del Decreto ristori bis è stata prevista, inoltre, la sospensione dei versamenti del mese di novembre 2020 relativi a:

  1. IVA
  2. Ritenute alla fonte dei redditi di lavoro dipendete e assimilati
  3. Trattenute delle addizionali regionali e comunali IRPEF, operate in qualità di sostituto di imposta

Beneficeranno di questa sospensione: 

  1. quelli che esercitano le attività economiche sospese in base all’art.1 del Decreto Ristori bis;
  2. quelli che esercitano attività di ristorazione ed hanno la propria sede fiscale nelle zone rosse o arancioni;
  3. le attività economiche individuate dall’Allegato 2 del decreto che abbiano il proprio domicilio fiscale in una delle regioni classificate come zona rossa.

 Il termine ultimo per il versamento slitta al 16 marzo 2020.

Il versamento dell’Imposta sul Valore Aggiunto

Normalmente fissato per il 16/11 rientrano nella sospensione, per chi ha scelto la liquidazione mensile il versamento relativo al mese di ottobre e per chi ha scelto la liquidazione trimestrale il versamento relativo al trimestre luglio-settembre.
Inoltre, viene sospeso il versamento fissato al 30/11 dell’imposta dovuta su acquisti intracomunitari di beni e sugli acquisti  di beni e servizi da soggetti non residenti, registrati con riferimento al mese di settembre, da parte degli enti non commerciali e dei produttori agricoli esonerati.

Incertezza sui versamenti

Il passaggio delle regioni tra le diverse zone di rischio individuate dal Governo, crea un’enorme incertezza circa chi, effettivamente, potrà usufruire della proroga nella scadenza dei versamenti e chi invece se ne dovrà far carico al 30 novembre. Nonostante il differimento dei termini previsti dal nostro legislatore, il contribuente può comunque decidere di versare nei termini normalmente previsti per evitare poi l’eccessivo accumularsi di scadenze. 

Il difficile controllo da parte dell’Agenzia delle Entrate

Il meccanismo del rinvio, parcellizzato e farraginoso, non farà altro che comportare un difficile monitoraggio da parte dell’AdE con il rischio che, eventuali scadenze non onorate entro i termini, possano essere sanate attraverso minimi interessi e sanzioni, pur di garantire il recupero da parte dello Stato. Un meccanismo tutt’altro che corretto nei confronti di chi, invece, ha pagato regolarmente entro i termini.

Decreto Ristori ter

Approvato dal consiglio dei ministri nella notte del 21 novembre, il nuovo Decreto prevede, in estrema sintesi, uno stanziamento di 1,95 miliardi per poter rifinanziare i contributi a fondo perduto. Questi fondi, inoltre, provengono dai residui di precedenti stanziamenti non utilizzati nella loro interezza. Pertanto, il Decreto ter non attingerà a nuove risorse.

CUE FACT CHECKING

CloseupEngineering.it si impegna contro la divulgazione di fake news, perciò l’attendibilità delle informazioni riportate su financecue.it viene preventivamente verificata tramite ricerca di altre fonti.

Marta Contuhttps://financecue.it
Classe 1996, mi son laureata nel 2018 in Economia e Gestione dei Servizi Turistici e nel 2020 in Economia Manageriale con indirizzo Professionale presso l'Università degli studi di Cagliari. Dal 2019 collaboro con la Cogea SpA per i controlli di I livello della spesa a valere sul POR FESR Sardegna 2014-2020. Nel 2020 ho iniziato il praticantato per l'avvio alla professione di Dottore Commercialista